Scena del balcone" (Shakespeare) Testo inglese e traduzione in italiano della "scena del balcone" | Infonotizia.it giacche canadese

“”Scena del balcone” (Shakespeare) Testo inglese e traduzione in italiano della “scena del balcone”

Previous ArticoloNext Articolo
_______

This is the famous “Balcony scene” of Shakespeare from Romeo and Juliet, where the two lovers declare their love to each other. While Romeo praises Juliet’s beauty with neo-platonic images in the style of the courtly tradition, Juliet‘s declaration is quite different.

<<< Torna al menù dei migliori testi di William Shakespeare

Testo originale Romeo e Giulietta scena del balcone (Shakespeare)

.Romeo [Coming forward.]: But soft! What light through yonder window breaks? It is the East, and Juliet is the sun! Arise, fair sun, and kill the envious moon Who is already sick and pale with grief That thou her maid art far more fair than she. Be not her maid, since she is envious. Her vestal livery is but sick and green, And none but fools do wear it. Cast it off. It is my lady! O, it is my love! O, that she knew she were! She speaks, yet she says nothing. What of that? Her eye discourses; I will answer it. I am too bold; ‘tis not to me she speaks. Two of the fairest stars in all the heaven Having some business, do entreat her eyes To twinkle in their spheres till they return. What if her eyes were there, they in her head? The brightness of her cheek would shame those stars As daylight doth a lamp; her eyes in heaven Would through the airy region stream so bright That birds would sing and think it were not night. See how she leans her cheek upon her hand! O, that I were a glove upon that hand, That I might touch that cheek!

JULIET : Ay me!

ROMEO: She speaks. O, speak again, bright angel, for thou art As glorious to this night, being o’er my head, As is a winged messenger of heaven Unto the white-upturned wond’ring eyes Of mortals that fall back to gaze on him When he bestrides the lazy puffing clouds And sails upon the bosom of the air.

JULIET: O Romeo, Romeo! Wherefore art thou Romeo? Deny thy father and refuse thy name; Or, if thou wilt not, be but sworn my love, And I’ll no longer be a Capulet.

ROMEO [Aside.]: Shall I hear more, or shall I speak at this?

JULIET: ‘Tis but thy name that is my enemy. Thou art thyself, though not a Montague. What’s Montague? It is nor hand, nor foot, Nor arm, nor face. O, be some other name Belonging to a man. What’s in a name? That which we call a rose By any other word would smell as sweet. So Romeo would, were he not Romeo called, Retain that dear perfection which he owes Without that title. Romeo, doff thy name; And for thy name,  which is no part of thee, Take all myself.

ROMEO: I take thee at thy word. Call me but love, and I’ll be new baptized; Henceforth I never will be Romeo.

JULIET: What man art thou, that, thus bescreened in night, So stumblest on my counsel?

ROMEO: By a name I know not how to tell thee who I am. My name, dear saint, is hateful to myself Because it is an enemy to thee. Had I it written, I would tear the word.

JULIET: My ears have yet not drunk a hundred words Of thy tongue’s uttering, yet I know the sound. Art thou not Romeo, and a Montague?

ROMEO: Neither, fair maid, if either thee dislike.

JULIET: How camest thou hither, tell me, and wherefore? The orchard walls are high and hard to climb, And the place death, considering who thou art, If any of my kinsmen find thee here.

ROMEO: With love’s light wings did I o’erperch these walls; For stony limits cannot hold love out, And what love can do, that dares love attempt. Therefore thy kinsmen are no stop to me.

JULIET: If they do see thee, they will murder thee.

ROMEO: Alack, there lies more peril in thine eye Than twenty of their swords! Look thou but sweet, And I am proof against their enmity.

JULIET: I would not for the world they saw thee here.

ROMEO: I have night’s cloak to hide me from their eyes; And but thou love me, let them find me here. My life were better ended by their hate Than death prorogued, wanting of thy love.

JULIET: By whose direction found’st thou out this place?

ROMEO: By Love, that first did prompt me to inquire. He lent me council, and I lent him eyes. I am no pilot; yet, wert thou as far As that vast shore washed with the farthest sea, I should adventure for such merchandise.

JULIET: Thou knowest the mask of night is on my face; Else would a maiden blush bepaint my cheek For that which thou hast heard me speak tonight. Fain would I dwell on form (–fain, fain deny What I have spoke; but farewell compliment! Dost thou love me? I know thou wilt say “Ay;” And I will take thy word. Yet, if thou swear’st, Thou mayst prove false. At lovers’ perjuries, They say Jove laughs.  O gentle Romeo, If thou dost love, pronounce it faithfully. Or if thou thinkest I am too quickly won, I’ll frown and be perverse and say thee nay, So thou wilt woo, but else, not for the world. In truth, fair Montague, I am too fond, And therefore thou mayst think my havior light; But trust me, gentleman, I’ll prove more true Than those that have more cunning to be strange. I should have been more strange, I must confess, But that thou overheard’st, ere I was ware, My true love passion. Therefore pardon me, And not impute this yielding to light love, Which the dark night hath so discovered. ROMEO: Lady, by yonder blessed moon I vow, That tips with silver all these fruit-tree tops–

JULIET: O, swear not by the moon, th’ inconstant moon, That monthly changes in her circle orb, Lest that thy love prove likewise variable.

ROMEO: What shall I swear by?

JULIET: Do not swear at all; Or if thou wilt, swear by thy gracious self, Which is the god of my idolatry, And I’ll believe thee.

ROMEO: If my heart’s dear love–

JULIET: Well, do not swear. Although I joy in thee, I have no joy of this contract tonight. It is too rash, too unadvised, too sudden; Too like the lightning, which doth cease to be Ere one can say it lightens. Sweet, good night! This bud of love, by summer’s ripening breath, May prove a beauteous flow’r when next we meet. Good night, good night! As sweet repose and rest Come to thy heart as that within my breast!

ROMEO: O, wilt thou leave me so unsatisfied?

JULIET: What satisfaction canst thou have to-night?

ROMEO: The exchange of thy love’s faithful vow for mine.

JULIET: I gave thee mine before thou didst request it: and yet I would it were to give again.

ROMEO: Would’st thou withdraw it? for what purpose, love?

JULIET: But to be frank and give it thee again. And yet I wish but for the thing I have.

My bounty is as boundless as the sea, my love as deep; the more I give to thee, The more I have, for both are infinite. I hear some noise within. Dear love, adieu! [NURSE calls within.] Anon, good nurse! Sweet Montague, be true. Stay but a little, I will come again. [Exit.]

ROMEO: O blessed, blessed night! I am afeard, Being in night, all this is but a dream, Too flattering-sweet to be substantial.

[Enter JULIET again.]

JULIET: Three words, dear Romeo, and good night indeed. If that thy bent of love be honorable, Thy purpose marriage, send me word tomorrow, By one that I’ll procure to come to thee, Where and what time thou wilt perform the rite; And all my fortunes at thy foot I’ll lay And follow thee my lord throughout the world. [NURSE within.] Madam!

JULIET: I come anon.–But if thou meanest not well, I do beseech thee– [NURSE within.] Madam!

JULIET: By and by I come.– To cease thy strife and leave me to my grief Tomorrow will I send.

ROMEO: So thrive my soul–

JULIET: A thousand times good night!

ROMEO: A thousand times the worse, to want thy light! Love goes toward love as schoolboys from their books But love from love, toward school with heavy looks

[Enter JULIET again]

JULIET: Hist! Romeo, hist! O for a falc’ner’s voice To lure this tassel gentle back again! Bondage is hoarse and may not speak aloud, Else would I tear the cave where Echo lies And make her airy tongue more hoarse than With repetition of “My Romeo!”

ROMEO: How silver-sweet sound lovers’ tongues by night, Like softest music to attending ears!

JULIET: Romeo!

ROMEO: My sweet?

JULIET: What o’clock tomorrow Shall I send to thee?

ROMEO: By the hour of nine.

JULIET: I will not fail. ‘Tis twenty years till then. I have forgot why I did call thee back.

ROMEO: Let me stand here till thou remember it.

JULIET: I shall forget, to have thee still stand there, Rememb’ring how I love thy company.

ROMEO: And I’ll still stay, to have thee still forget, Forgetting any other home but this.

JULIET: ‘Tis almost morning. I would have thee gone– And yet no farther than a wanton’s bird, That lets it hop a little from his hand, Like a poor prisoner in his twisted gyves, And with a silken thread plucks it back again So loving-jealous of his liberty.

ROMEO: I would I were thy bird.

JULIET: Sweet, so would I. Yet I should kill thee with much cherishing. Good night, good night! Parting is such sweet sorrow That I shall say good night till it be morrow. [Exit.]

ROMEO Sleep dwell upon thine eyes, peace in thy breast! Would I were sleep and peace, so sweet to rest!

<<< Torna al menù dei migliori testi di William Shakespeare

Scena del balcone" (Shakespeare) Testo inglese e traduzione in italiano della "scena del balcone"

——————————————————————————————————————–

<<< Torna al menù dei migliori testi di William Shakespeare

Testo e traduzione in italiano della scena del balcone di Romeo e Giulietta (Shakespeare)

Giulietta: o Romeo, Romeo, perchè sei tu Romeo? Rinnega tuo padre e rifiuta il tuo stesso nome. Ovvero, se proprio non lo vuoi fare, giurami soltanto che mi ami, ed io smetterò di essere una capuleti.

Romeo: devo continuare ad ascoltarla oppure rispondere a ciò che dice?

Giulietta: è solamente il tuo nome ad essermi ostile: tu saresti sempre lo stesso anche se non fossi un montecchi. Che cosa vuol dire la parola montecchi? non è una mano,o un braccio o un viso,ne un’altra parte che appariene ad un essere umano. Oh,sii qualche altro nome! Quello che noi chiamiamo col nome di rosa, anche chiamato con un nome diverso ,conserverebbe ugualmente il suo dolce profumo. Allo stesso modo Romeo, se portasse un’altro nome, avrebbe sempre quella rara perfezione che possiede anche senza quel nome. Rinuncia quindi al tuo nome, Romeo, ed in cambio di quello, che tuttavia non è una parte di te, accogli tutta me stessa.

Romeo: ti prendo in parola. D’ora in avanti non sarò più Romeo.

Giulietta: chi sei tu, così nascosto dalla notte, che inciampi nei miei pensieri più nascosti?

Romeo:non so dirti chi sono, adoperando un nome. Perchè il mio nome, o diletta santa, è odioso a me stesso, perchè è nemico a te. E nondimeno strapperei il foglio dove lo trovassi scritto.

Giulietta: le mie orecchie non hanno ancora udito un centinaio di parole pronunciate dalla tua lingua, e nondimeno riconosco la tua voce: non sei forse tu romeo, nonchè uno dei montecchi?

Romeo:non sono ne l’uno ne l’altro, fanciulla, se a te questo dispiace.

Giulietta: e come sei giunto fino a quì? Dai, dimmi come e perchè. Le mura del cortile sono irte e difficili da scalare, e questo luogo, considerando chi sei tu, potrebbe significare la morte se qualcuno della mia famiglia ti scoprisse.

Romeo: ho scavalcato le mura sulle ali dell’amore, poichè non esiste ostacolo fatto di pietra che possa arrestare il passo dell’amore, e tutto ciò che amore può fare, trova subito il coraggio di tentarlo: per questi motivi i tuoi familiari non possono fermarmi.

Giulietta: se ti vedranno ti uccideranno.

Romeo : ahimè, che si nascondono più insidie nel tuo sguardo che non in venti delle loro spade . A me basta che mi guardi con dolcezza e sarò immune alla loro inimicizia.

Giulietta: non vorrei per tutto il mondo che ti scoprisero quì.

Romeo: ho il mantello della notte per nascondermi ai loro occhi. Se tu mi ami non mi importa che essi mi scoprano.meglio perdere la vita per mezzo del loro odio, che sopravvivere senza poter godere del tuo amore.

Giulietta: e chi ha saputo guidarti fino a quì?

Romeo: è stato amore, che per primo ha mosso i miei passi, prestandomi il suo consiglio, ed io gli ho prestato gli occhi. Non sono un buon pilota: ciò nonostante,anche se fossi tanto lontana quanto la riva abbandonata dove lavano marosi del più remoto dei mari, non esiterei a mettermi in viaggio, per un carico così prezioso.

Giulietta: tu sai che sul mio volto vi è la maschera della notte, altrimenti un verginale rossore colorerebbe le mie guancie, a causa di quello che mi hai sentito dire stanotte. E molto volentieri mi piacerebbe rinnegare tutto ciò che ho detto. Ma basta con le forme e i convenevoli. Mi ami? So già che risponderai si, e che io crederò a ciò che tu dirai. Ma se lo giuri, potresti poi dimostrarti sleale. Dicono che Giove sorrida dei giuramenti degli amanti. O, nobile Romeo, se davvero mi ami, dillo apertamente, e se credi che io mi lasci conquistare troppo facilmente, arriccierò la fronte e sarò cattiva, e mi negherò, cosicchè tu abbia ragione di corteggiarmi: altrimenti, non saprei negarti niente per tutto l’oro del mondo. O bel montecchi, io sono davvero troppo innamorata, e ti potresti interpretare questo comportamento come frivolo. Ma abbi fede in me, mio buon signore, ed io saprò dimostrarmi anche più leali di coloro che sanno offire in modo migliore la loro modestia.

Romeo: madamigella,per quella sacra luna che inargenta le cime di quegli alberi, giuro…

Giulietta: oh, non giurare sulla luna, l’incostante luna che si trasforma ogni mese nella sua sfera, per paura che anche il tuo amore si dimostri, come la stessa luna, mutevole.

Romeo: e allora su cosa dovrei giurare?

Giulietta: non giurare per niente. E se proprio devi giurare, giura sulla tua persona benedetta, che è il dio della mia idolatria: e non potrò fare a meno di crederti.

Romeo: se il caro amore del cuor mio…

Giulietta: non giurare, di grazia. Anche se la tutta la mia felicià è riposta in te, non riesco a provare nessuna felicità nel patto d’amore appena stipulato.troppo precipitato, troppo frettoloso e irriflessivo, e troppo mi somiglia il lampo che muore prima che si abbia il tempo di dire: lampeggia. Buona notte dolce amore mio! …il dolce riposo e la pace entrino nel tuo cuore. Allo stesso modi di quelli che che confortano il mio seno.

Romeo: mi vuoi dunque lasciare così mal soddisfatto?

Giulietta: e qual soddisfazione potresti avere tu, stanotte?

Romeo: lo scambio del voto fedele del tuo amore insieme al mio.

Gulietta: ti ho già dato il mio prima ancora che fossi tu a chiederlo: eppure mi piacerebbe che il momento di dartelo non fosse già passato.

Romeo: vorresti forse riprendertelo? E perchè amore mio?

Giulietta: solo per poter essere prodiga, e dartelo di nuovo. Eppure altro non desidero se non ciò che già possiedo: la mia generosità è davvero senza limiti, come il mare, e come il mare il mio amore è profondo.E più te ne do più ne ho per me,perchè entrambi sono infiniti. sento una voce,dal dentro,addi amore mio.vengo subito,mia buona balia. O mio caro montecchi, sii fedele a me.resta ancora un poco. Torno subito.

Romeo: o notte beata! Temo che ,perchè siamo di notte, tutto questo non si riveli soltanto un sogno, troppo dolce e lusinghiero per essere fatto di sostanza reale.

Giulietta: tre parole,diletto Romeo, ed un’ultima buona notte. Se davvero il tuo amore è sincero e la tua intenzione è di sposarmi, fammelo sapere domani per mezzo di qualcuno che darò disposizione che ti raggiunga, cosìcchè potrò sapere dove e come il matrimonio verrà celebrato: e deporrò ai tuoi piedi tutte le mie fortune, e ti seguirò come il mio signore per il mondo intero.

Balia: madamigella!

Giulietta: arrivo subito…ma se le tue intenzione, tuttavia,non fossero belle, io ti supplico …

Balia: madamigella…

Giulietta: sono subito da te…cessa della tua corte, e lasciami sola con il mio dolore. Domani manderò qualcuno.

Romeo: e così possa salvarsi l’anima mia!

Giulietta: mille volte buona notte!

Romeo: mala notte mille volte, invece,ora che la tua luce mi viene a mancare. L’amore corre verso l’amore con la gioia tipica degli scolaretti che fuggono dai loro libri,e all’incontro l’amore si separa da amore con la stessa delusione che hanno coloro che vanno a scuola.

Giulietta: o Romeo,oh! Potessi avere la voce di un falconiere, per richiamare a me questo volatile! …

Romeo: è l’anima mia che invoca il mio nome. Quale dolce suono argenteo non modula durante la notte la lingua degli amanti, soave musica all’orecchio che ascolta!

Giulietta: Romeo!

Romeo: diletta?

Giulietta: a che ora vuoi che, domattina, il mio messaggero venga a te?

Romeo: alle nove.

Giulietta: non ti farò aspettare. È come se fino ad allora debbano passare venti anni. mi è passato di mente il motivo per cui ti ho richiamato.

Romeo: lascia che io rimanga fino a quando non saprai ricordarla.

Giulietta: ma io vorrei dimenticarla di nuovo, giacchè tu resti, come mi sovvenga quanto ami la tua compagnia.

Romeo: ed io seguiterò a restare quì per costringerti a non ricordare più nulla.

Giulietta: è quasi giorno. Vorrei che fossi già partito; ma allo stesso modo vorrei saperti non più lontano di quell’uccellino a cui una bimba capricciosa permette di saltellare un poco fuori dalla sua mano, come un povero prigioniero trattenuto dalle ritorte, e con un filo di seta lo riporta a sè con un piccolo strattone, tanta è la gelosia che mette nell’amare la sua libertà.

Romeo: vorrei essere io quell’uccellino.!

Giulietta:anche io vorrei che tu lo fossi, diletto: eppure, per il troppo amarti, finirei con l’ucciderti. Buona notte, buona notte! Il separarsi è un dolore così dolce, che ti darei la buonanotte fino a domani mattina!

Romeo: che il suo elegga la sua dimora negli occhi tuoi, e scenda la pace nel tuo cuore! Ah,se potessi essere io il sonno e la pace per poter riposare tanto dolcemente! Da quì andrò alla cella del mio confessore a chiedere il suo aiuto,e a raccontargli la cara vicenda che mi è capitata.

Passa all’analisi dell’opera >>>

<<< Torna al menù dei migliori testi di William Shakespeare

   
_______

Altri articoli da leggere:

Previous ArticoloNext Articolo

More Like This


Categorie


Scuola ed educazione

Tag


1 Comment

Add a Comment

    giacche canadesemmentlist">
  1. C’è qualcosa di più romantico di Shakespeare?

Add a Comment Cancel Reply

Latest Posts


  • Poesia “Dialogo con un teschio” di Corrado Cioci – poesia sulla morte
  • Ottaviano Augusto: riassunto breve vita e schemi riassuntivi
  • Catullo carme 72 testo e traduzione in italiano
See All New Posts



Categorie




Questo sito partecipa al Programma Affiliazione Amazon Europe S.r.l., un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it


giacche canadese

カナダのガチョウの男性
канадская гусиная женщина
canada goose mens jacka
canada goose victoria parka
Canada Goose New York

Poichè le Aleutine costituiscono una specie di strada per gli aerei tra il continente nord-americano e l'Estremo Oriente, il loro valore strategico appare evidente. D'altra parte, quella catena di isole rappresenta una delle più difficili zone di guerra di tutto il mondo; si tratta non solo di isole montuose e rocciose, ma le condizioni metereologiche nella parte orientale delle isole sono sempre cattive; le nebbie sono quasi costanti e fittissime; venti violentissimi (conosciuti sul luogo col nome di "Williwaws") con relativo mare grosso rendono difficile ed incerta qualsiasi operazione in quella zona. Il Mare di Bering è stato definito una "fabbrica di tempeste," perchè durante i mesi invernali si formano lassù una o due tempeste alla settimana, che poi viaggiano in direzione est e sud-est.

Nel maggio 1942, quando cercavamo di calcolare i vari rischi a cui andavamo incontro nel disporre le nostre forze, consideravamo Dutch Harbor nelle Isole Aleutine come un possibile obiettivo nemico. Organizzammo quindi un complesso di forze per le operazioni in quella zona e ne affidammo il comando al contrammiraglio R. A. Theobald: questi aveva alle sue dipendenze tutte le forze americane e canadesi stazionate nel Pacifico Settentrionale, incluse le unità navali ed aeree.

Il 3 giugno 1942, mentre la Battaglia di Midway stava appunto incominciando, bombardieri d'alta quota giapponesi, lanciati probabilmente da navi porta-aerei, attaccarono Dutch Harbor. La posizione della forza attaccante non fu subito individuata, perchè subentrò la nebbia: le intenzioni dei nemico rimanevano perciò oscure. Ma dopo pochi giorni scoprimmo che i Giapponesi si erano diretti verso occidente ed avevano effettuato degli sbarchi sulle isole di Kiska e Attu, dove avevano iniziato delle costruzioni.

Durante i mesi di giugno e luglio, nonostante il maltempo, i nostri sottomarini e la nostra aviazione riuscirono con una serie di attacchi ad impedire l'arrivo di grossi rinforzi giapponesi. Squadriglie da bombardamento dell'esercito degli Stati Uniti e unità dell'aviazione canadese contribuirono non poco a queste operazioni, come pure a quelle dei mesi successivi.

Il 7 agosto, il contrammiraglio W. W. Smith, con una formazione di incrociatori e di cacciatorpediniere bombardò gl'impianti costieri di Kiska; ma, a causa della scarsa visibilità, il danno non potè essere accertato. Il bombardamento servi, tuttavia a dimostrare la necessità di possedere basi aeree più vicine a quelle occupate dai Giapponesi: per conseguenza alla fine di agosto occupammo l'Isola di Adak, nel gruppo delle Andreanof. Nel gennaio 1943 occupammo Amchitka, notevolmente più vicina a Kiska, ed in febbraio i nostri apparecchi da caccia erano in grado di operare da quella base. A quel tempo avevamo fatto progressi anche nell'impiantare ed equipaggiare la base di Adak. Intanto Kiska veniva attaccata quasi giornalmente dagli aeroplani di base alle Andreanof.

A causa delle condizioni metereologiche, ed anche perchè le nostre forze erano impegnate in altre zone, non facemmo altri attacchi sulle isole fino alla primavera del 943, oltre le incursioni aeree ed il summenzionato bombardamento dal mare.

LA BATTAGLIA DELLE ISOLE KOMANDORSKI

Stando così le cose, il nemico, verso la fine del marzo 1943, per rinforzare le sue due guarnigioni, mandò in quella zona un convoglio piccolo, ma fortemente protetto. Nelle prime ore del mattino del 26 marzo una formazione appartenente alla nostra flotta del Pacifico settentrionale, al comando del contrammiraglio C. H. Morris, si scontrò con la formazione nemica, composta di incrociatori pesanti e leggeri, alcuni cacciatorpediniere e navi mercantili, che si trovavano a poco più di 100 km. a sud della Penisola di Komandorski. La nostra formazione, benchè inferiore di numero, si preparò subito all'attacco.
Ne seguì un duello di artiglierie tra i nostri incrociatori Salt Lake City e Richmond e gl'incrociatori nemici; i nostri cacciatorpediniere attaccarono poi con lancio di siluri, dopo di che il nemico si ritirò in direzione di Paramushiro, 800 km. a ovest. I danni da noi subiti furono lievi e le vittime furono poche. Non si può calcolare esattamente il danno inflitto l nemico, ma è certo che avevamo impedito ad una superiore forza nipponica, attaccandola per tre ore consecutive, di rinforzare le guarnigioni giapponesi di Kiska e Attu.

L'OCCUPAZIONE DI ATTU

Durante il mese di aprile, il tempo cattivo impedì considerevolmente lo svolgersi delle nostre operazioni, ma verso la fine del mese un gruppo di incrociatori e di cacciatorpediniere fu mandato a bombardare l'Isola di Attu.
Intanto avevamo completato i piani per un attacco vero e proprio su Attu. Una squadra composta di corazzate, una nave porta-aerei ausiliaria, cacciatorpediniere, navi ausiliarie e da trasporto di truppa fu posta agli ordini del contrammiraglio F. V. Rockwell, che era a sua volta alle dipendenze del contrammiraglio Kinkaid. In aggiunta alla squadra del contrammiraglio Rockwell, ce n'era un'altra composta di incrociatori e cacciatorpediniere al comando del contrammiraglio Robert C. Giffen ed una agli ordini del contrammiraglio McMorris. Tutta l'operazione doveva essere appoggiata dall'aviazione dell'esercito agli ordini del maggior generale Albert F. Brown. Le truppe furono imbarcate sulle navi da trasporto di truppa.

La mattina dell'11 maggio furono eseguiti degli sbarchi sulla costa settentrionale di Attu, e le nostre truppe avanzarono verso l'interno. Nel pomeriggio furono effettuati altri sbarchi a Massacre Bay ed anche a Holtz Bay. Questi sbarchi furono protetti dalle nostre unità navali, e negli aspri combattimenti che ne seguirono, parecchie unità navali appoggiarono le truppe dell'esercito con tiri d'artiglieria e copertura aerea. II 31 maggio ebbe termine la fase di "rastrellamento" e l'isola fu tutta in nostro possesso. Le forze nemiche erano state praticamente annientate.

L'OCCUPAZIONE DI KISKA

In seguito all'attacco su Attu, facemmo i preparativi per un simile assalto a Kiska. Quest'isola, durante i mesi di luglio e agosto fu continuamente bombardata dall'aria e parecchie volte anche dal mare.
Quando le truppe d'assalto sbarcarono sull'isola il 15 agosto trovarono che i Giapponesi avevano evacuato l'isola, approfittando della nebbia. Così ebbe termine la campagna delle Aleutine: le nostre forze erano ancora una volta in possesso di tutta la catena di isole.
NOTA: Pur non avendo alcun rapporto con la campagna fin qui descritta, il bombardamento di Paramushiro, effettuato da una formazione agli ordini del contrammiraglio W. D. Bàker, ebbe luogo il 4 febbraio 1944. I nostri apparecchi provocarono vasti incendi, mentre le nostre unità non subirono alcun danno. Tale bombardamento tuttavia va incluso in questa parte della presente relazione, perchè ebbe luogo nel Pacifico Settentrionale.

L'ATTIVITÀ DEI SOTTOMARINI

La debolezza della nostra flotta asiatica era parzialmente compensata dai 29 sottomarini ad essa assegnati, giacchè essi erano in grado di operare in acque dominate dal nemico: i nostri sottomarini infatti, appena scoppiata la guerra, presero subito l'offensiva. Quando le nostre unità di linea si ritirarono a sud dalle Filippine, i sottomarini (al comando del capitano di vascello, ora contrammiraglio, John Wilkes) riuscirono a ritardare l'avanzata nemica e a dare appoggio intermittente alle nostre forze superstiti nelle isole. Mentre i Giapponesi avanzavano dalle Indie Orientali Olandesi verso le Salomone, i sottomarini, continuavano ad interrompere le linee di comunicazione nemiche e da allora in poi hanno sempre continuato i loro efficacissimi attacchi contro le navi da guerra e mercantili nemiche.

Al principio della guerra il contrammiraglio T. Withers comandava i sottomarini della flotta del Pacifico. Il contrammiraglio R. H. English, che lo sostituì nel maggio 1942, fu ucciso in un incidente di volo nel gennaio 1943. Da allora in poi le operazioni sempre magnificamente eseguite dei sottomarini addetti alla flotta del Pacifico, sono continuate agli ordini del vice ammiraglio Lockwood, che precedentemente comandava i sommergibili della Squadra del Pacifico sud-occidentale. Il contrammiraglio R. W. Christie gli succedette nel comando di questa parte della flotta.

I sottomarini della flotta Atlantica dalla primavera del 1942 erano al comando del contrammiraglio F. A. Daubin. L'attività dei sottomarini nell'Atlantico, consistente soprattutto in un'opera di allestimento e di esercitazione, hanno contribuito grandemente a far sì che ogni sommergibile, appena raggiunta la sua destinazione nel Pacifico, potesse subito prender parte ad operazioni belliche.

Senza un adeguato contingente di navi, il Giappone non può resistere, e meno che mai proteggere le sue forze nelle isole del Pacifico. Oltre a ciò, i cantieri giapponesi hanno una capacità limitata: le navi giapponesi costituiscono perciò l'obiettivo naturale dei nostri sottomarini, che infatti hanno arrecato alla flotta nemica ingentissimi danni.

Per ovvie ragioni di sicurezza, è possibile accennare alle operazioni sottomarine in tutto il Pacifico soltanto in termini molti vaghi; ma si può dire che nessun ramo della marina ha compiuto più-scrupolosamente il suo dovere. I comandanti dei sottomarini sono capaci, arditi e pieni di iniziativa; gli equipaggi bene allenati ed espertissimi; il morale è molto elevato, ciò che si spiega, dati i successi fin qui riportati nella guerra sottomarina. Dal punto li vista del materiale, i nostri sottomarini sono in ottime condizioni; siamo riusciti a mantenerli al più alto livello di efficienza e ad applicare gli ultimi perfezionamenti consigliati dal progresso e dalla scienza.

La versatilità dei nostri sottomarini è stata così evidente durante tutta la guerra, che i Giapponesi sanno troppo bene che in nessuna zona del Pacifico sono al sicuro da attacchi sottomarini. Quando si potrà rivelare tutto ciò che è stato compiuto in questo campo, si scriverà uno dei più interessanti capitoli nella storia della guerra navale.



1" />



2t3yX_J7#|׳ZV'ơ*7~whPp3ǻ1a\N񮴨zYpH^} 04cXNIT2z[]6Dtto X <"7SZxS_IGӃ;i^2 \>YV}c׍e(&hLPZ"+7hgd"@uG+-hVO³|au fxG&UJ5:VxrGN+^ ?n$@q|JIנs%t[YW+ `g WwZQg˷ksߒ,Jd0򥙥++V,֊a\]%IP+̒qoXz{ _4Q3`0ZaN+3ZiF+L(ce vQ+!8>2s2 ?6ާ Xd8<4wt=cAཏC 1-\lG}J.IF8~"<ŁБpj~c/| UgָD^#6KeuY?9QC $CI,7k  SȖzA|E05۞h-l}fbAnC}G><>46kC-?_EV+ A&(nU2w)ismPHBPJve~*T-T',̀%ݐV8|JJ@(5wY,#cR|@x>Ժr)C"TT>1''!N+x6w'H7^>nڗvty[q7(xa@ZlfȌ22)ƑYTN"SHvq0ϓRv{+"^N 5 Hd'Ř~2FJ@ &}Rz3[cObJRTzbpaxTzQD@0DƁ5ސ F$V5͔,ThE,)ain__Ai4H/o#𽟛}l "K l6 v2\u@ 6gwZ]:lsrWXKF+%4b *K?qUh RS3AO!X 2[Ax_Ѣˆ]a`Th  n"!bN;C;c5ܔA[ 31!)Vc#5ExṶFuojbzv,|y¯xQi7Z0W,-Z:B޼Y~1X EX_5 Lj$yhlW$ >W~fZml4 ?b(u\"R9}XFhC02#oWVՎP izZ|& F I=Ao95  q1 usrEՙ)1}@ ,,h<)֗.3 `%n}4Qm71@(|%VTM^ZYߞV,~Cl_ƑM\91Mo+;je ;`19#g%`6v?@typgǏ0VE1swטS!dg4B~vd$LY)؎8j!0zfoCmؖ 0;k ]ǭ LZ;Blx5q}r:%O!D P.j-oZqY4HY,aga$d4q4Z fh/[ c[zXv Fo˲%Uɑ?;`VӜ7 C]g_xðBvعí}:ٷ5\Fp^r_k9󺾝 ׇ\*KQGi^ۖ T<L ymD[qi,^hʅ|?|kl'7lE\NJw}[ i{a}{@':ImM`hRI6"`JVB,J Ϫb{hd%'RdTY}|7?q} 0,r$#`IW_P<  MJ"֗\m1!&4q=lEQ^P.j4ۋnBj#10+0\'U Dzܖi]צGwzcSFh#Mm$a|LB 0ٍt|VͲ$@lg "+voh0֕WnV+g <^DQl~'vmC(7Ci+ rj.)ϱDJKlpTNDOJ'! ˳™ ]H|ekmh4i[6Mo;:;ˌl \oR2Ҷ-B'@ Иcy&kӥ a ·TIRcU"qU"&.mk(T" $mVێv:M}NZj|_j6utpDl!xX0t?UM`H:yM X{< '&D+lD[\&qGރn e{+O<0چ, vau㐷Ҭo8 o 1 l &ЉP ӽC q}+x;n㰛.uEf89> :6#Ѷ1#[ mҀ6(9T@(g7\%[',r9edY*,pہ}"X"_ hǐ B~o(|_, U?,IyP*s[HxN~ݗg U&WZV6AYj+vK.#gLl5 '[_`iO5Y`둏φRLa&jqh+Lv1IĎ s<؈8۲V{YCkM\gZpF[&e PƖ!|Ņw|v{%ziRJsf{wq_Qe=R/b%^-_t@.ȅ]lXRLO{hRKki-Iݤ'։NOLSv?_<],ˡB䂘ܹs_sgenQݸک4)]:lGIG^rB’)擕Ni`<))T{Jjֻޝ= [Ώ[o/[T[%:UϼUVO<<!z&q&R4 L#%xŒG\XCP,H)>m!)Xy;A^ZQ܄¡N;fƆ1gl7Q\prVBz.k㾓uAx)+*m89&}F3g8ޯ>BZn~on˟H -$MxLT-0;W|s 9yIEʌh@2 굆&쩑_f))eaC܇DBQʍ K7%1ĝ(.n=) BX+ kNeTh9Jc,'fuspCWUwu ùfu3e?M9c`o[ӯ_>/tf&Yn$M>ڂ'~ 3ȇU>]{&:f!}.Ae24fUdcvsmީ@}ܡ+P*٣='tZ^+jLIg[WtXzRN̿޸{gΓ%gbJWB_]>{Uzڑ,8S?L!gT҄§H.sbvȴĝ9 rzS-KPj؊>}zY"9cD1KOGO1ٓ7呍VجUv{P‰;.J(ol;Q^cܐ{G,%L0Ha |7xX: [F+{e >+AKp zd ʛ;b孴_??)+8N9Q#wƑ;ȝq >8RqوC t9X<d _G٘/󝼽P{҄3HwfoB{64L箖36Zפ';AA 4oᤃRa$F7P]a{* 'DlL: X(cy3؀o-H2'iI̗4DU(i(i?s "ICUt^-a:wr {o{pR!Kxph>T'pLQFQFQF!(xoYilTDd# c;+jE7>y Gg&wdASVx s3p*|ؽ6mG#<1~CH_ߟC;2KD $:نlC L9a=W%l;'f{&1! ˨Ҫm~Ӝ9`r&G2)dsc}@vX߱S'#q }}2ЈLHhd7g_ʵՕK~tyveҟd'Oo G&' $ł#N@4gxtd'4Nh3obb[<{pqN sm벭dvJY =:`@IPY7y Mޤ &/S s2X+;0&g,BBȑ.G? I|x20[Fgk:d{?7wm?Dx{wvRz|ΩU^Ӫ&t )լUs^5Td{ 29WT kID;L{) P+۷Y0=@a"uܩbQи @GNq9o1EىR 5jyJn'g[{B[:⍄9mi Fa;n o >ޱ(`ҕB@҄{S:EfxS`; ܺG H1~ÆC8Ry)ड़tf< 3'fDvo3 |k[ ގ uhع~w~{ɋ4*k*Du< ߀X"U2u0tôcZ֬3ޥo,Wsjk75kzGdbNعQ~[ӛNˁp78Mԇ`cw{0toG)w,oՠsy^҆O}!v]=ya32T,:d@k5voNyi[oHk0+OƼ܉t'8Ckkڊe퀊"XsT)=OP Z-w:@}~?2EoɰInkEѹc0(=0:ee«/>t|u />ޯ>Hv~Mr:;@".[-JLμ8y8կ"/A{lR("[ RC[BB 0?}'4{̈́o-['C^ C #'Ta0Rjxn.Vp^kz]~# t7t}@_G\K֋|)N\WM7H'LViNi=9gu'WG`Wp8Afȑ^ 1[N׏:i: Sn ZiovN6n"ޏ}?y rw\Lpvm7u5!o5ĔFf{{{ iU{ VCҢBj6Ո>Ԕv*G_&^ :|K+Ψz WqCgs蘴vNs9HF_,!*ͳvZ赣3[W?uj NK儒{uM.EN$NJg)lj7rODᣓ[tiOBBx>|cBJ{&iH$vB;F 7}7zZx/:Qc*tZy!HN9۪ϣ)ߜ>u N'8o۾s͙ܵ,R79݁'xႳf7<'{4nTOڣIÈ#vT~{=:r6rY 6(7!U` iGxdܘ,+PϴSx%yEb+ZL^т ZQJ >U\6BLc{ORX7VIʶC{ֈ'v5H]'/􉡩rԮBm7dcCy83軪͆uܣAe /J㮝ڋAKw;=1h&ϢG ܴ&dSW|ڄVZS \YԾZkygl'Qxp yU#^_K>2F0=Twp %v݄+w|Ny}ăvz <*!B1D@JȶC.Vu^NrqG_4`'O#v c S2 ( j$ar;ID!nNtcgTRZg4}K"3_>|Sfϕ$i艶׾t'Zu"b4h҉hOn)UppJCo9k?:a]Z^e|a6Cq Ϗfd]G;䃬VdA&@-/.9Pjk>!$/% >-ۚ6*˷dKRIQMعj,P>]yjkNZ!XڠB7 Uð«)b'ak}Hu,l-i.7eWBԅu<ՎEIZC,م/sp;]obkM86 lRRW--vqEJ!! .H#:RZ\E/Ԗ^XfI_GW0B٢eri"%n.-70f![ën(ؤ`riKsAPV@xUW"15`b_(V*R+T"bD-bLyHY͍bh#2ؖ)..)ҍHij[1u 2 "F$Ss3)BWF{kyg;`;X@7m!NeVl`ێV+RhdJf Ԑq.A![ ,5Y1ۨ.eU11t2X۴e[t6|ɴmHW]XShdZ|ȆU6TuZtiX{Xc:,P;Q(zM) 3Q)4I#ܬkeqjQbY SS89V &Ur ck̺,B vf(e2V0tU90vWq#j F L vܠcӚat( rae=K@Idڀ;RL^BR^bdXP8RVQ"OPWʹrc|adt݉/3J?(Ub(Ǖz<51콃x^]jڐ}ryKhGFI6L_cͦ='8L`_in&|U3s,&M93PT18:P J-o:"&0K2^9<]M"R'J(襀SY it[.JY '8:1МYt"骻4ZC$W/zmmdC1=Kymc d="}+TH7H#Xzˬ $މb(+C1bWozb9 'q%,d|F i UMЮ-1V&Xkj{I; HL&6/'ՎblC %#P&ހ*>܂{s9iy.0A)٩\>.,Fv_j'lNnKrrv?8"m$xlA]P RC#ɊidoPX,.-&"d{SİTRhF=zNm> :5 tYS,]>.x_kuυ,3pgWh 咘y\Ȕel:gL6Xb M*{k ZԴ*{ Wk'io|מ^齴H sj anzɧ+}ek!̫F+HX20ɔ4#&=׶wv@:H&Kӛh\Vk ytwNޝUQ]VM \.+]D.[<4J1,2ғU@VM/]`LNDqr&9"+㊢ Wj[٤CfMJo8ň(@kHY([2r|9Z8ZpH$WXAV/!?{Bg1,LJ"urxWKd/(LCŠY̺ PQ`,BnTv\KjQ$=J19R;$_VE&a.ȫpE^MPzД"^g *0r\vmD6D1 {jA Ly-P22yT~ #2 qgbV@O@JWt nU01ޣ˿|)FLUىat*\ZN/[vVe# CИ N˜:0?RJxpV|Tb00Ed)OJ|!3,b1,;f|hbI)S$7vFns7HB"m`yXߨ+@JmI"R cIŇb1 ZӁtƘĈYm]٫% p@aF"1Z'AjkR 5Eij㊂SUhOF1VZ/:Zϣ!-w Jձ'[->6Jw5dDww5XBc-u>R~M$%ӪOCTeRcihAB6 !鍋8N;MEYUĀ2"אm>++]VyJ62"e+)Bzcmܖ¡>?12(*Mn+mB kM8IZ!үfo?Kn/>٪*8]Fʷ`qu¼o;yBCXLVKVvu~/Ck\6"]1 %z35njʶJ\zFS&_Jy`-HEkyn'R7 QxcT1X'*Dq"2ua-Wy~̪--Nr27el byR[dֲZS[iꓱy$a&|Gp3(s~Vb iB1 48Ob+eV `B SP pD %ȃ_Xk:>edXc`iP?JkjyGN[+$;?]|;]9yMlӽq'Wg ~(7P*u֔.2Vn)xJ'OqE tQaBlJ_g,(C%Tu%D"1u69.W{S>J}p"A;-ya]4-^5nS8쀓< 4$ƒBFEH;q d`,