Bye, bye, PD – Il Blog di Gioia Locati giacche di cane canada


giacche di cane canada

канадская гусиная куртка цена
canada goose victoria parka
uomini di giacca di canada
canada goose victoria
urheilu elämä kanada goose
5 résultats

Votre annonce aussi au top?

chiots cane corso

Nous avons des chiots Cane corso. Ils sont des chiots chouettes et enjouès qui peuvent partir avec son nouveau propriétaire immédiatement. Ils…

€ 795,00
 | 
Zonhoven

Cane Corso chiots blue

Nous avons des chiots Cane Corso. Sont vermifugés et vaccinés selon le calendrier, micropuce et en possession d'un passeport avec certificat d…

€ 399,00
 | 
Staden Westrozebeke

Cane corso chiots à vendre!

Nos chiots à vendre sont issus d’un petit élevage étranger soigneusement sélectionné et qui répond aux mêmes règles de bien-être que celles im…

€ 645,00
 | 
Asse Zellik

Chiots cane corso disponible

Chiots cane corso Tous nos chiots cane corso sont vaccinés, vermifugés, pucés et ont un passeport européen. Chaque chiot cane corso a deux ans…

Ne s'applique pas
 | 
Diest

Chiots cane corso chez elevage familal

Magnifiques Chiots cane corso, 2 femelles noir de 10 semaines. Elles sont tres social.Les parents sont visibles sur place. Elles sont vermifug…

€ 500,00
 | 
Heistopden-Berg Booischot

Autres catégories dans Chiens

  • Autres races
  • Berger allemand
  • Bichon maltais
  • Border collie
  • Bouledogue
  • Bulldog français
  • Chihuahua
  • Cocker spaniel
  • Loulou
  • Shih Tzu
  • Stafford
  • Teckel
Montrer plus


Diritto, procedura, esecuzione penale - Reato -  Gasparre Annalisa - 01/02/2015

LESIONI DA MORSO DI CANE: RESPONSABILE IL PROPRIETARIO/DETENTORE - Cass. pen. 44792/14 - A. GASPARRE

- Lesioni personali colpose

- Omessa custodia animali o malgoverno

- Sussiste la responsabilità penale del detentore dell'animale che provochi lesioni nel caso in cui l'animale non sia adeguatamente custodito

 

La decisione in oggetto riguarda un caso di lesioni colpose legate alla inadeguata custodia di tre cani, scappati da una villa il cui cancello era stato lasciato aperto.

La vicenda giudiziaria aveva preso avvio davanti al Giudice di pace e poi transitata dal Tribunale, che aveva dichiarato l'imputato responsabile, ai soli effetti civili, del reato di lesioni colpose, per non aver custodito adeguatamente i tre cani che erano riusciti a scappare dalla villa e così cagionato lesioni (da morso di uno dei cani) alla vittima che percorreva la strada a bordo di un motorino.

La Suprema Corte ha richiamato la giurisprudenza consolidata secondo cui "nel procedimento penale davanti al giudice di pace, avverso le sentenze di proscioglimento la parte civile può proporre impugnazione, anche agli effetti penali, a norma del D.Lgs. 28 agosto 2000, n. 274, art. 38 limitatamente all'ipotesi in cui la citazione a giudizio dell'imputato sia stata chiesta dalla persona offesa con ricorso immediato ai sensi dell'art. 21 dello stesso decreto. Quando non ricorra tale ipotesi, la disciplina dell'impugnazione è comunque quella ordinaria di cui all'art. 576 c.p.p., nell'ambito della quale le facoltà di impugnazione della parte civile non hanno comunque subito limitazioni con l'entrata in vigore della L. 20 febbraio 2006, n. 46, ma si sono invece estese per effetto della soppressione dell'inciso "con il mezzo previsto per il pubblico ministero" nel citato art. 576, comma 1".

Nel caso in esame non erano ravvisabili i presupposti per l'assoluzione dell'imputato nel merito giacché, come noto, gli obblighi in tema di custodia di animali sorgono in presenza di "una relazione di possesso o di semplice detenzione tra l'animale ed una data persona". In questa materia, riferimento imprescindibile continua ad essere l'art. 672 c.p. (illecito che malgrado sia stato depenalizzato, costituisce valido termine di riferimento per la valutazione della colpa). La norma, infatti, impone "l'obbligo di non lasciar libero l'animale o di custodirlo con le debite cautele al possesso dell'animale, possesso da intendersi come detenzione anche solo materiale e di fatto".

Nel caso di specie si accertava che gli animali venivano lasciati in libertà. Sull'imputato, in quanto detentore dei cani, gravava l'onere di "approntare le debite cautele per neutralizzare le attitudini pericolose degli animali". Dal difettoso esercizio di tale dovere deriva la responsabilità penale colposa per le lesioni provocate dai cani.

Cass. pen. Sez. IV, Sent., (ud. 25-09-2014) 27-10-2014, n. 44792 Pres. Brusco, Rel. Piccialli

sentenza sul ricorso proposto da: B.U.M. N. IL (OMISSIS); avverso la sentenza n. 15003/2012 TRIB. SEZ. DIST. di MILAZZO, del 19/07/2012; visti gli atti, la sentenza e il ricorso;

udita in PUBBLICA UDIENZA del 25/09/2014 la relazione fatta dal Consigliere Dott. PATRIZIA PICCIALLI;

Udito il Procuratore Generale in persona del Dott. SALZANO Francesco che ha concluso per il rigetto del ricorso;

udito il difensore avv. (Ndr: testo originale non comprensibile) Pierfrancesco in sost. dell'avv. Cardillo che conclude per l'accoglimento del ricorso.

Svolgimento del processo

Il Tribunale di Barcellona Pozzo di Gotto, in parziale riforma della sentenza del giudice di pace di Milazzo, su ricorso della parte civile, dichiarava B.U.M. responsabile ai soli effetti civili del reato di lesioni colpose (ex art. 590 c.p.), per non avere adeguatamente custodito tre cani, che, scappando dal cancello lasciato aperto della villa di proprietà della famiglia B., cagionavano a F.L., che percorreva la strada a bordo di un motorino, lesioni consistite in ferita alla gamba sinistra giudicata guaribile in 10 giorni, derivante dal morso di uno di essi (fatto del (OMISSIS)).

Il giudicante, ritenuta provata, attraverso le dichiarazioni rese anche da testi diversi dalla parte offesa, la presenza dei cani all'interno della villa - in particolare, di quello nero, che aveva morso il F. - e la circostanza che gli stessi uscivano (incustoditi) dal cancello, individuava nell'odierno ricorrente il proprietario dei cani, pur dando atto di avere riferimento al concetto civilistico di proprietà, da intendersi come detenzione anche solo materiale e di fatto.

Contro la sentenza B.U.M. ha proposto ricorso per cassazione deducendo:

- la nullità dell'ordinanza emessa al dibattimento del 4.7.2012, con la quale era stata rigettata l'eccezione preliminare della inammissibilità dell'appello proposto dalla parte civile in un procedimento con citazione a giudizio da parte del PM;

- il vizio di motivazione della sentenza impugnata in ordine alla sussistenza del nesso causale, non sussistendo la prova della presenza del B. nella villa il giorno dell'evento e sussistendo anzi la prova testimoniale che in quella data era la suocera, in sua assenza, come solitamente accadeva, ad accudire i cani;

- il vizio di motivazione della sentenza, anche sotto altro profilo, non potendo escludersi, alla luce degli elementi probatori in atti, che fosse stato un cane randagio, introdottosi nella villa attraverso il muretto basso che la circondava, a morderlo;

- il vizio di motivazione della sentenza in punto di affermazione della congruenza delle lesioni con il reato contestato, sia con riferimento agli orari emergenti dalla certificazione del pronto soccorso sia con riferimento all'entità delle stesse;

- la prescrizione del reato.

Motivi della decisione

In via preliminare deve essere esaminata la questione di nullità dell'ordinanza dibattimentale con la quale il Tribunale aveva rigettato l'eccezione di inammissibilità dell'appello della parte civile avverso la sentenza di proscioglimento, proposta dall'imputato sul rilievo che il D.Lgs. n. 274 del 2000, art. 38, consentirebbe l'impugnazione avverso le sentenze di proscioglimento soltanto nei casi in cui è ammessa l'impugnazione del Pubblico Ministero, a condizione che il ricorrente abbia chiesto la citazione a giudizio dell'imputato a norma dell'art. 21 stesso D.Lgs., con la conseguente inapplicabilità al caso in esame, in cui la citazione a giudizio era stata disposta dalla polizia giudiziaria, previa autorizzazione del PM. La questione di diritto sottoposta all'esame di questo Collegio consiste, quindi, nel quesito se, in caso di proscioglimento di un imputato - nella fattispecie, accusato del reato di lesioni colpose - chiamato a giudizio nelle forme ordinarie dell'art. 20 del citato decreto, e non già sulla base di ricorso immediato ex art. 21 dello stesso decreto, la persona offesa, costituita parte civile, abbia possibilità di interporre gravame, sia pure ai soli effetti civili, a norma della generale disciplina dell'art. 576 c.p.p..

L'eccezione è infondata.

Secondo la giurisprudenza ormai consolidata di questa Corte (v.Sezione 5, 2 dicembre 2011, n. 10138, Merlino; Sezione 4, 14 febbraio 2007, n. 1522, parte civile Marcone in proc. Cirioni), nel procedimento penale davanti al giudice di pace, avverso le sentenze di proscioglimento la parte civile può proporre impugnazione, anche agli effetti penali, a norma del D.Lgs. 28 agosto 2000, n. 274, art. 38 limitatamente all'ipotesi in cui la citazione a giudizio dell'imputato sia stata chiesta dalla persona offesa con ricorso immediato ai sensi dell'art. 21 dello stesso decreto. Quando non ricorra tale ipotesi, la disciplina dell'impugnazione è comunque quella ordinaria di cui all'art. 576 c.p.p., nell'ambito della quale le facoltà di impugnazione della parte civile non hanno comunque subito limitazioni con l'entrata in vigore della L. 20 febbraio 2006, n. 46, ma si sono invece estese per effetto della soppressione dell'inciso "con il mezzo previsto per il pubblico ministero" nel citato art. 576, comma 1.

Ciò premesso, deve darsi atto che in data 17.12.2013, quindi successivamente alla sentenza impugnata, pronunciata il 19.7.2012, è intervenuta la prescrizione del reato contestato, essendo decorso il termine stabilito dall'art. 157 c.p.e non essendo intervenute cause di sospensione della stessa.

In presenza della causa estintiva della prescrizione, l'obbligo di declaratoria di una più favorevole causa di proscioglimento ex art. 129 c.p.p., comma 2, da parte della Corte di cassazione, postula in concreto che gli elementi idonei ad escludere l'esistenza del fatto, la rilevanza penale di esso e la non commissione del medesimo da parte dell'imputato emergano dagli atti in modo assolutamente non contestabile, sicchè la valutazione che deve essere compiuta appartiene più al concetto di constatazione che a quello di apprezzamento.

Da tali regole consegue che:

a) nel giudizio di cassazione, qualora la motivazione del giudizio di merito - come nella specie - dia contezza delle ragioni poste a fondamento dell'effettuato giudizio di responsabilità dell'imputato, non può nel contempo emergere dagli atti, con la necessaria evidenza, una causa assolutoria nel merito (v., tra le tante, Sezione 6, 11 novembre 2009, n. 49877, R.C. e Blancaflor, ed i riferimenti in essa contenuti);

b) che è inammissibile il ricorso in cassazione proposto contro la sentenza, che abbia dichiarato estinto il reato per prescrizione, soltanto per difetto di motivazione, in quanto l'inevitabile declaratoria di estinzione del reato anche da parte del giudice di rinvio preclude che la sentenza impugnata possa essere annullata con rinvio (v. in tal senso la sentenza sopra citata).

Ciò premesso, la fattispecie in esame si caratterizza proprio per la mancanza dei ricordati presupposti per l'assoluzione dell'imputato nel merito.

Il ricorrente censura di illogicità la valutazione compiuta dai giudici di merito afferente la detenzione dei cani e, quindi, la violazione dell'obbligo di custodia da parte dello stesso, costituente il profilo di colpa specifica del reato di lesione contestato.

Tale profilo di doglianza non tiene conto che in tema di custodia di animali, l'obbligo sorge ogni volta sussista una relazione di possesso o di semplice detenzione tra l'animale ed una data persona, in quanto l'art. 672 c.p. (che, a prescindere dalla intervenuta depenalizzazione, costituisce valido termine di riferimento per la valutazione della colpa) relaziona l'obbligo di non lasciar libero l'animale o di custodirlo con le debite cautele al possesso dell'animale, possesso da intendersi come detenzione anche solo materiale e di fatto (v. Sezione 4, 20 settembre 2011, Abbo; Sezione 4, 29 novembre 2011, Messito).

Il giudice di appello ha confermato il giudizio di responsabilità, facendo riferimento alle dichiarazioni rese, oltre che dalla persona offesa, da altri testimoni, i quali hanno affermato l'appartenenza dei cani all'imputato, confermando che gli animali venivano lasciati in libertà quando i "padroni" erano in villa.

Sono state, pertanto, recepite le argomentazioni logico-giuridiche contenute nella sentenza di primo grado sull'affermazione dell'obbligo gravante sull'imputato, in qualità di detentore dei cani, di approntare le debite cautele per neutralizzare le attitudini pericolose degli animali. Rispetto a tale argomentare le doglianze di parte ricorrente si risolvono in una censura di merito, inaccoglibile in considerazione dei limiti del sindacato di legittimità.

Alla luce di tali considerazioni, si impone l'annullamento senza rinvio della sentenza impugnata per essere il reato estinto per prescrizione.

P.Q.M.

Annulla senza rinvio la sentenza impugnata per essere il reato estinto per prescrizione.

Così deciso in Roma, il 25 settembre 2014.

Depositato in Cancelleria il 27 ottobre 2014



immagine AmmSost

Linee Guida AmmSost

Cliccate se siete interessati alle "Linee Guida" sull'Amministrazione di Sostegno.
Linee guida
immagine A3M

Anziani Terzo Millennio

Un'associazione che opera prevalentemente a Trieste sui bisogni e sui diritti delle persone non più giovanissime
A3M

Autore

Annalisa Gasparre

Annalisa Gasparre si è laureata a pieni voti presso l'Università degli Studi di Pavia con tesi intitolata "La vittima del reato nell'ordinamento giuridico italiano". Si è successivamente perfezionata in Diritto e Procedura Penale e in Criminologia Clinica presso l'Università degli Studi di Milano; ha conseguito il diploma Law School (SSPL Pavia-Bocconi). Inoltre ha svolto con ...
Pagina autore
immagine articolo

Video

Convegno AmmSost
    Paolo Cendon
Fragilità, storie, diritti
    Paolo Cendon
Continua
immagine articolo

Biblioteca

L'orco in canonica
    Paolo Cendon
Il compenso dell'avvocato
    Avv. Alessio Anceschi
Continua
immagine A3M

Visite, contatti P&D

Nel mese di ottobre 2017 Persona & Danno è stato visitato da oltre 350.000 utenti unici.




li>
  • random640

    ma il fatto più delinquenziale di tutto questo è l’affermazione della Lorenzin che ha ammesso, che tutto sto can can è perchè il CRIMINALE GOVERNO PD di cui fa parte facendo entrare caterve di clandestini da paesi a rischio(e qui scusate rifugiati o no devono starsene lontani da me e dal mio paese!!!) IMPONE una corposa profilassi ai nostri cittadini. Questa è procurata epidemia, da arresto ed ergastolo! e riguarda pure il papocchio!! irresponsabile sirena pericoloso esponente di una banda di folli

  • carmine fattimiei

    Il PD italiano, la vergogna del genere umano.

  • Zzeddy

    Giusto per avere ancora più fiducia sulle nostre istituzioni e sul decreto Lorenzin:

    http://www.sanita24.ilsole24ore.com/art/in-parlamento/2017-07-10/vaccini-art1-mdp-interrogazione-possibili-conflitti-d-interesse-180956.php?uuid=AEjUn3uB

  • gaetano.alberti

    banda di delinquenti che fanno le leggi contro il volere e le scelte del popolo.
    quando avranno schifo di loro stessi e se ne andranno con i loro sorrisi diabolici

  • Andrea P

    Allora abbiamo capito ! I politici (quelli di sn.) sono tutti, sempre e comunque gente corrotta, al soldo delle lobby e delle multinazionali. In questo caso, della salute. Hanno imposto il percorso vaccinale ai ns. figli solo perché si vogliono prendere le bustarelle dalla Glaxo. I politici di ds. invece, queste cose non le fanno, perché “loro sono “buoni”, e lascerebbero libero ciascuno di crepare come diavolo gli pare, e chi se ne frega poi, dei benefici “dell’effetto gregge”.
    Le “mamme” in Italia. Questo partito potentissimo e trasversale.
    Mamme, che, talvolta con difficoltà hanno fatto la 3 media, “sanno” che i vaccini fanno male. Sull’argomento non deve decidere la comunità scientifica che, in larghissima maggioranza, ne sosx MwL8220;le mamme”. La riverita opinione delle mamme dobbiamo seguire in questo paese di inutili idioti, e poco importano l’oriientamento degli scienziati, le esperienze acquisite, le fini statistiche. Le mamme “lo sanno”. Hanno un “certo sesto senso”, che gli permette di “percepire” che, al loro “figliuolo” i vaccini “fanno male”.