spot welded seat base for cars, Auto Electrical, Steering column, Fabricated Parts canada goose artico programma

 Home Enquiry | Press Release | Contact Us 
 Profile
 Quality & Standards
 Facilities
Products
 Customers
Automotive Industries Award
Best improved vendor of the year -2008 from M/s SONA KOYA STEERING SYSTEMS LTD


Automotive Industries Award
AWARD FROM TVS-SUZUKI FOR TPM PRACTICES


Automotive Industries Award
ON-TIME DELIVERY AWARD FROM SUNDRAM CLAYTON LTD.


Automotive Industries Award
Award from TVS Motor Company Limited for Excellence in Quality


Automotive Industries Award
Award for progress made on TPM activity from TVS Motor Company Limited


Automotive Industries Award
Award from ACMA for Excellence in Quality


Automotive Industries Award
2000 – Winner of “SUPPLIER OF THE YEAR” award from M/s.Lucas TVS Limited.


Automotive Industries Award

During the visit of Yamaguchi san – TPM consultant


Automotive Industries Award
TS Certificate

Automotive Industries Award

Brakes India Ltd Overall Quality Performance award 2004 -05

Automotive Industries Award

ABK – Certificate of Merit Award 2007 Tamil Nadu Centre, India

Automotive Industries Award

Tafe – Award for Self Certification -2002

Automotive Industries Award

Award from TVS Motor Company Limited for Quality Improvement project

Automotive Industries
"Quality Circles" are groups of members from a particular work area who work as a team to identify priorities and solve work related problems in the area. 

We believe that it is this unwavering commitment to quality that will lead to the further growth of the organization as competition increases. 
Quality policy:

- To achieve and sustain customer satisfaction and Business growth. 

- To comply with customer and Regulatory requirements through continual improvement in all areas by total employee involvement. 


During the audit conducted by SVP materials of TVS Motor company Ltd.,

Automotive Industries

CHENNAI - POWDER COATING PLANT INNAGURATION.,

Automotive Industries

TPM AWARD .,

Automotive Industries


Systems Followed:

- SPC TECHNIQUE FOR PROCESS CONTROL. 

- ZERO DEFECT SAMPLING PLAN. 

- QCC approach for problem solving using G8D ,7 QC tools & POKA YOKE

- GEMBA KAIZEN IN ALL AREAS.. 

- CONTINUOUS IMPROVEMENTS FOR 1'S AND 2'S. 

- Lean Manufacturing System. 

- ISO / TS 16949 - 2009 SYSTEMS IMPLEMENTATION 

- JUST IN TIME & KANBAN 

- VCS - VISUAL CONTROL SYSTEM 

- TPM - TOTAL PRODUCTIVE MAINTENANCE
Scroll of Honour for
 TPM Practice

Automotive Industries
Mr. Govindachari receiving the
   ACMA Award
   
Mrs. Sriya Chari  receiving the    ACMA Award Second Time
   
Award for Greening the Supply    Chain Mgmt Prog.
Automotive Industries Award Automotive Industries Award Automotive Industries Award
 
2002 - Winner of BEST 5 S PRACTICES awarded by ABK - AOTS DOSOKAI.
    Award from APAC VHS for BEST INDUSTRY    
Best improved vendor of the year 2008 from M/s SONA KOYA STEEERING SYSTEMS LTD.
Automotive Industries Award Automotive Industries Award Automotive Industries Award
 
2008 Supplier Case Study Presentation awarded by M/s    TVS MOTOR Company.
    ACMA AWARD FOR SGA CONVENTION ON JUNE 2007 (Small Group Activity)    
POKA YOKE AWARD FROM    SUNDARAM CLAYTON
Automotive Industries Award Automotive Industries Award Automotive Industries Award
 
ACMA AWARD FOR PRODUCTIVITY IMPROVEMENT PROGRAMME.
    ACMA Award for Quality and Productivity 2001 -02    
2013 - Silver Certificate of Merit received from Economic times (India Manufacturing Excellence Award).
Automotive Industries Award Automotive Industries Award Automotive Industries Award
 
2014 - Received TPM excellence award from JIPM , Japan.
Automotive Industries Award

Full fledged laboratory with Ascott (UK) Salt spray, Mini test (Germany) digital film thickness meter, Humidity chamber, Muffle furnace (upto 800 deg C) & Conical bend tester to ensure quality coating

Automotive Industries Award

 

Digital Touch Type Thermometer
Deep Draw components
Surface Finishing Measuring Instrument
Deep Draw components
Hardness Tester
Deep Draw components
Digital Height Master
Deep Draw components
CMM
Deep Draw components
UTM
Deep Draw components
Weld penetration testing machine
Deep Draw components
Profile Projector
Deep Draw components
Durability Testing Machine For front fork
Deep Draw components
Contour Measuring Instrument
Deep Draw components

Exhaust Systems Two Wheeler | Assemblies Four Wheeler | Steering Column Parts |
Auto Electric Assemblies | Export
canada goose jackor%" height="21" align="center">Copyright © Rajsriya Group of Industries, All rights reserved.
Better to view under 800 X 600 pixels

canada goose aviator
canada goose
Venda de jaqueta de canada
カナダのガチョウの男性
canada goose ranska
RELATED TOPICS
YouTube Videos – teatro dell'artico della seconda guerra mondiale and Related Articles

Intellettuali Stranieri a Roma dal Grand Tour al XIX Secolo - 1a parte

358 views

Published on

Note e foto di accompagnamento per la passeggiata del Club del territorio di Roma (Touring Club), da Piazza del Popolo a Piazza Barberini. Focus su inglesi, tedeschi e russi.
Non è, se non in minima parte, un lavoro "originale" ma una compilazione di testi, editati per convenienza, da diverse fonti web. Quindi un mero strumento di supporto ad una passeggiata e nulla di più.

Published in: Travel
  • 0 Likes
  • Statistics
  • Notes
  • Full Name
    Full Name
    Comment goes here.
       Delete Reply Spam Block
    Are you sure you want to Yes No
    Your message goes here
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

Intellettuali Stranieri a Roma dal Grand Tour al XIX Secolo - 1a parte

  1. 1. ITINERARIO DA PIAZZA DEL POPOLO A PIAZZA BARBERINI INTELLETTUALI STRANIERI A ROMA DAL GRAND TOUR AL XIX° SECOLO
  2. 2. Questa passeggiata intende essere un’occasione per raccontare il “Grand Tour” ed i soggiorni di artisti e let- terati stranieri nella Roma del XVIII e XIX secolo. Ogni tappa, ogni “numero civico” sarà una occasione per i conoscere i personaggi storici che li hanno fre- quentati, tradizioni, movimenti artistici. Oltre alla ben nota rappresentanza inglese, francese e tedesca, ci soffermeremo sulla folta, importante, ma meno conosciuta comunità russa. Queste note, non sono un lavoro “originale”, ma un brogliaccio che ho usato come traccia per condurre il gruppo durante la passeggiata, realizzato compilando varie fonti on line e off line. Mi riferisco alla passeggiata del 19 Febbraio, organizzata dal Club del Territorio di Roma del Touring Club. PREMESSA i
  3. 3. ii 1.Il grand Tour 2.I Russi e roma 3.Tappa 1 Piazza del Popolo 4.Tappa 2 Dimora Vlaceslav Ivanov 5.Tappa 3 Hotel de Russie 6.Tappa 4 Casa Goethe 7.Tappa 5 Studio Aleksandr Ivanov 8.Tappa 6 Rivendita di Giovanni Volpato 9.Tappa 7 Atelier Canova Tadolini 10.Tappa 8 Carolina e Franz (Liszt) 11.Tappa 9 Palazzo Raffaelli e Saulini 12. Tappa 10 Atelier Thorvaldsen 13.Tappa 11 Piazza di Spagna 14.Tappa 12 Caffè Greco 15.Tappa 13 Palazzo Maruzzelli Lepri 16.Tappa 14 Locanda Franz 17.Tappa 15 Atelier Pompeo Batoni 18.Tappa 16 Dimora Goldoni 19.Tappa 17 Hotel d’Inghilterra 20.Tappa 18 Trinità dei Monti 21.Tappa 19 Via Gregoriana 22.Tappa 20 Residenza Gregorovius 23.Tappa 21 Verso via Sistina 24.Tappa 22 Casa Buti Via Sistina 25.Tappa 23 Verso il Quartiere Russo 26.Tappa 24 Via Sant’Isidoro 27.Tappa 25 Piazza Barberini 5 8 15 23 26 32 38 43 51 60 68 74 77 87 92 96 99 102 107 109 117 124 127 130 133 137 142 INDICE
  4. 4. L’ITINERARIO E LE SUE TAPPE
  5. 5. CRONOLOGIE DI RIFERIMENTO
  6. 6. IL GRAND TOUR 1 Emil Brack, Planning The Grand Tour 5
  7. 7. Chiariamo innanzitutto I termini: Grand Tour è termine france- se ripreso poi nella cultura inglese; venne usata per la prima volta nel 1636 per il viaggio in Francia di Lord Granborne. La si trova quindi nel Voyage of Italy: or a Compleat Journey Through Italy (1670, Richard Lassels, prete cattolico tutore di molti nobili rampolli, che viaggiato 5 volte per l’Italia). Da allo- ra sino alla fine del Settecento designò il viaggio di formazio- ne intrapreso da aristocratici e intellettuali europei – in partico- lare inglesi, francesi e tedeschi – attraverso la Francia e, so- prattutto, l’Italia. In tedesco Bildungreise, viaggio di formazione è il perno della cultura illuminista. Chi non lo faceva era considerato un mero topo da biblioteca (stubengelehrter - stanza o Schreibtishge- lehrter – scrivania). Nel 1737 l’università di Gottingen apre per prima allo studio della letteratura di viaggio. Diverso il Kavaliersour del 500 e 600 in cui benestanti nobili parivano insieme al loro tutor per presentarsi presso le corti europee. Altra forma di viaggio era per gli studenti e professori la “pere- grinatio academica” fra le varie università. Importanti nel diffonderee e radicare la tradizione del “viaggio di formazione” furono i concetti di Francesco Bacone, che ve- de il viaggio e la scoperta per esperienza diretta come una parte integrante del percorso educativo. “TRAVEL, in the younger sort, is a part of education, in the elder, a part of experience”. (Viaggiare per i giovani fa parte dell’istruzione, per gli adulti dell’esperienza) Francis Bacon, of Travel, 1625 Anche John Locke esprime concetti analoghi (1693, Some thoughts concerning education). Varie fasi del Grand Tour Il concetto e le caratteristiche del Grand Tour evolvono nel tempo. Dal Medioevo l’Italia è stata meta di pellegrinaggi. Cristiani di tutta Europa (i «romei») confluivano a Roma per visitare i luoghi sacri. Schiere di scolari varcavano le Alpi per studiare negli atenei di Bologna, di Padova o Pavia. Il pellegrinaggio poteva avere motivazioni diverse: - Peregrinatio Pro Voto - Peregrinatio Ex Poenitentia - Per delega Dal 500 i luoghi sacri restano tappe ineludibili del viaggio, ma vengono guardati con un altro occhio, critico se non scientifi- co (quasi etnologico); e accanto a questi si stagliano con sem- pre maggior nitidezza altre mirabilia: l’arena di Verona, le rovi- ne di Roma antica, ma anche la Villa d’Este di Tivoli, gli edifici palladiani di Vicenza e di Venezia, i grandi palazzi fiorentini e romani, le collezioni d’arte e le biblioteche. Per un’élite aristo- cratica di colti, il viaggio in Italia diventa laico ed erudito. La fine del Settecento registra il momento di massima simbio- si tra l’intellighenzia europea d’Antico Regime e l’Italia intesa e presa nella sua complessa realtà politica, sociale, economi- ca, culturale, linguistica. Erano circa 40 mila le presenze annuali straniere tra Francia e Italia a metà  del secolo dei Lumi (il settecento), ed in cresci- ta nel tempo. La maggior parte erano molto giovani, dai 18 ai 22 anni, ma anche minorenni. Sono gli albori del moderno turismo giovanile di massa. La minuziosa programmazione, e l’utilizzo, a fianco della lettera- tura di viaggio, della prima “guida turistica” (Richard Lassels, The Voyage of Italy) sembra anticipare i viaggi del «tutto com- preso» con il tour pianificato minuto per minuto. Il 'secolo d'oro', su basi dunque seicentesche, non fece che ampliare a dismisura il fenomeno, così che fra 1760 e 1780 crebbero le lamentele degli stranieri assediati dai compatrioti non solo nelle città maggiori ma anche in quelle minori (tra cui Lucca e Siena). Crebbe a dismisura anche lo stuolo degli ac- compagnatori, sempre proporzionato al grado e alle facoltà del viaggiatore: medico, cuoco, valletto, pittore, musicista cor- riere, spesso, a loro volta, divenuti esperti relatori. Cominciaro- no inoltre a comparire nella comunità viaggiante le donne, pre- corritrici delle grandi viaggiatrici di epoca romantica. Importante spartiacque nella storia italiana del viaggio sono gli anni Quaranta del secolo, quando le nuove straordinarie scoperte archeologiche di Ercolano (1738) e Pompei (1748) determinarono nuove coordinate negli itinerari italiani. Fino ad allora era stato possibile riconoscere i viaggiatori dal- la loro provenienza e si parlava, a buon diritto, di viaggiatori inglesi piuttosto che francesi identificabili nel fatto che gli uni prediligevano Venezia, gli altri Roma, fin dai tempi di Rabe- lais. Intorno alla metà del Settecento si assiste, invece, a quel- la che è stata chiamata la 'internazionalizzazione' del Grand Tour (De Seta, 1982) che unifica gli itinerari (da nord a sud) incardinandosi intorno all'epicentro costituito dalle due città. L''internazionalizzazione' costituisce il risvolto materiale di un concetto sopranazionale dell'Europa, concetto tipicamente settecentesco, segno della cultura cosmopolitica che si sta affermando. Contestualmente la durata del viaggio comincia ad assottigliarsi, segno di una minore disponibilità economica IL GRAND TOUR 6
  8. 8. e mentale. Il Grand Tour propriamente inteso, finisce con il tramonto della forma di vita aristocratica, ai primi dell’800. Dopo Napoleone e dopo il Congresso di Vienna l’Italia non sarà più il locus amoenus nel cui alveo un ceto vario ma ri- stretto di nobili e di ricchi borghesi percorreva le tappe di un itinerario iniziatico, obbedendo a una spinta interiore: al richia- mo dell’arte, dell’archeologia, della musica, della natura. Il viaggio moderno, organizzato o meno, si qualifica ormai come viaggio d’evasione, di vacanza, orientato verso mete circoscrit- te e avulse da un più ampio contesto culturale. Dopo il Congresso di Vienna, infatti, l'Italia romantica fu ogget- to di nuovi miti e il viaggio, con la modernizzazione della socie- tà, acquistò nuovi ritmi e incarnò nuovi valori. Le aspirazioni culturali si impoverirono, facendo prevalere quelle di pura eva- sione. La scoperta del viaggio è sempre meno personale e sempre più sintonizzata sulle informazioni predisposte dalla 'guida', il nuovo strumento del viaggiatore, che non organizza più in proprio ma viene condotto dalla nuova figura dell'orga- nizzatore di viaggi; questi, grazie alla geniale intuizione di Tho- mas Cook e complice la nuova viabilità ferroviaria, si annette le possibilità conoscitive del viaggio determinandole in base ad esigenze piuttosto economiche che culturali. Si crea ades- so perciò il fenomeno, tuttora vitale, del turismo organizzato e di massa. La filosofia turistica che vi viene impartita, diretta ad un pubblico accresciuto e massificato ad un tempo, è più ac- cessibile e rudimentale di quella maggiormente consapevole e pretenziosa dei secoli precedenti, quando la schiera dei grandtourists solcava le strade italiane a bordo di carrozze ben equipaggiate. Ma proprio allo scadere dell’epopea napoleonica, vennero al- la luce alcune tra le maggiori testimonianze di quell’irripetibile stagione, prima fra tutte la Italienische Reise di Goethe (1816- 17), come a fissare nella memoria europea un patrimonio per- duto per sempre. Un po’ come la transumanza che D’Annunzio cantò (Settem- bre andiamo…) quando ormai era un fenomeno tramontato. Finisce così la tradizione del Grand Tour, che prosegue per tutto l’800 come fenomeno borghese, prima di essere volgariz- zata e commercializzata, ormai nel Novecento, dai tour opera- tor di tutto il mondo. 7
  9. 9. Il Perchè Di Un Amore I RUSSI E ROMA 2 N. Gogol Ritratto Da Fodor Moller, 1840 Ca. 8
  10. 10. L’Italia fu sempre per i russi quasi una seconda patria. Erano attratti dal clima mite, dalla varietà dei panorami dalle Alpi, dai laghi e dalle rivier. In Italia sbarcavano artisti, diplomatici, poli- tici, rivoluzionari russi. Se una parte dei russi partì per l’Italia per curare il «mal sottile» visitando le riviere dal Mar ligure al Mar Tirreno, passando per il golfo partenopeo, fino alla Sicilia, l’altra parte veniva guidata dalle loro idee politiche: dagli an- ni ’50 del XIX secolo in Italia vengono Herzen, Mecnikov, Ba- kunin, che nelle file del movimento democratico europeo dan- no contributo - e non solo di parole - alla causa dell’indipen- denza e del progresso sociale degli italiani. I rapporti culturali, tuttavia, tra la Russia e l'Italia anticiparo- no gli scambi diplomatici fra i due paesi, i quali diventarono regolari solamente alla fine del XVIII secolo, cioè nell’epoca di Caterina II (1729-1796). È noto che a partire dal XV secolo in Russia lavoravano pittori, architetti, musicisti italiani, che proprio qui crearono molti dei capolavori che ora fanno parte del patrimonio artistico europeo e mondiale. Contemporaneamente, dal XVIII secolo in poi, in Italia regolar- mente arrivarono, usando termini moderni, a fare uno stage, giovani russi pittori, scultori, architetti, molti dei quali do- po aver concluso gli studi, sponsorizzati dall’Accademia del- le Belli Arti di San Pietroburgo e dalla Società di incoraggia- mento degli artisti, rimanevano nel bel paese, che diventò quindi non solo una scuola, ma la terra dove tanti di loro rag- giunsero l’apoteosi artistica creativa. I viaggi italiani degli scrittori russi da Fonvizin a Zukovskij e Gogol, a Dostoevskij, Cechov, Blok, Pasternak e tanti altri, altrettanto contribuirono allo sviluppo dei legami spirituali e culturali tra Russia e Italia. Essi dedicarono all’Italia ricerche erudite e versi romantici, cronache, diari e lettere a famigliari, tutori o insegnanti in cui davano conto dei loro viaggi e sog- giorni nelle città e regioni che li avevano attratti di più. Un’immagine che è spesso presente in queste opere è quella di Roma antica e moderna. Le antichità erano la meta prin- cipale dei viaggiatori russi. Essi, per la maggior parte grandi amatori dell’arte e della musica, della storia e della letteratu- ra, arrivando in Italia si trovarono dinanzi alle importanti vesti- gia della civiltà romana e rinascimentale, ai tanti capolavori di pittura e scultura, di cui erano ricchi musei, gallerie d’arte, castelli, palazzi, chiese, cattedrali, monasteri. Eppure possia- mo osservare nei russi qualcosa di più profondo del sempli- ce interesse turistico per i resti romani. I riferimenti al mondo romano antico si possono notare nella cultura russa molto prima del periodo in esame. Ancora nel- l’epoca precedente a quello di Pietro il Grande, la principale fonte delle nozioni sul mondo antico erano i libri dell’epoca: cronache, novelle, ma soprattutto raccolte di proverbi e mas- sime dei padri della chiesa e degli autori antichi e le vite dei santi (la lettura preferita dei russi), ambedue contenenti nume- rosi riferimenti alla romanità. La figura centrale di queste fon- ti, ereditata dalla tradizione bizantina, era Omero quale anda- va diventando anche nelle terre russe simbolo dell’erudizione e delle lettere in generale. I “saggi ellenici” penetrarono anche nello spazio della chie- sa. A partire da metà del XVI secolo esse venivano ornate – a modello delle chiese bizantine e bulgare – con le immagini delle dodici sibille o dei “profeti ellenici”: Omero, Euripide, Platone, Diogene, Plutarco, ecc. Si possono ammirare ancora negli affreschi delle chiese di Murom (le sibille) e del Cremli- no di Mosca: Dalla chiesa di Karelskoe seltso della provincia di Tver provengono singolari affreschi raffiguranti “Dij” ovvero Dio Zeus e un’altra figura antica prediletta dalla cristianità - quella di Virgilio tenente in mano un manoscritto con la profe- zia dell’arrivo di Cristo Salvatore. Le raffigurazioni della chie- sa di Tver risalgono agli anni venti del Settecento. Il raccon- to sull’inizio della storia di Roma, sui re Tarquini e sugli impe- ratori romani fino all’arrivo dei barbari si poteva trovare nel Cronografo russo “Le cronache ellenica e romana” del XIII- XV secoli che circolava in varie trascrizioni fino al XVIII seco- lo. L’antichità era ancora accentrata attorno alla tradizione bizantina e subordinata alle esigenze della chiesa ortodossa nonché del governo degli zar che ne doveva garantire una solida giustificazione. Tra l’altro il contatto con gli antichi da- va al monarca russo l’areola dell’antichità, della grandezza e della continuazione culturale, ne faceva il protagonista della storia europea. Basti pensare alla teoria di Mosca co- me Terza Roma, creata dal monaco Filofej di Pskov, poi – al periodo del governo di Pietro il Grande: l’introduzione del calendario Giuliano (nel 1700), la denominazione della nuova capitale in onore di San Pietro (qua appare, possiamo dire, la «Quarta Roma», 1703), l’introduzione del nuovo titolo del monarca come «l’imperatore» (1721) e «padre della patria» (1724). I RUSSI E ROMA 9
  11. 11. Il fenomeno «antico romano» non può essere ridotto però solamente a questo tipo di atti dimostrativi da parte dei politi- ci e del governo. Le immagini e le idee legate al mondo anti- co sempre di più penetravano nella vita della società russa, nella cultura e nell’arte. Nel XVIII secolo lo sviluppo della stampa, l’edizione del primo giornale, la fondazione delle prime scuole secolari, dell’Accademia delle scienze di San Pietroburgo e delle prime università, tutto questo contribuiva alla diffusione delle nozioni tra i russi sul mondo della romani- tà classica. Cresceva il numero delle traduzioni dei libri prove- nienti dall’estero aventi ad oggetto le antichità. Allo stesso tempo, le nuove pubblicazioni come “Symbola et emblema- ta” (1705) con gli elementi della mitologia antica, e contempo- raneamente l’assenza ancora della debita educazione “stori- ca” secolare, contribuivano alla radicazione ancora più pro- fonda della percezione “iconologica” dell’antichità. Nel Settecento e alle soglie dell’Ottocento le immagini dei romani antichi non erano solamente tratti del classicismo e poi del neoclassicismo e romanticismo, ma andavano diven- tando una parte integrale della cultura quotidiana. Le virtù degli antichi eroi - il senso della responsabilità, l’essere supe- riori alla quotidianità e agli interessi propri, il continuo para- gonare la propria vita con l’ideale sacrale, civile ed etico – venivano inculcati anche attraverso il sistema educativo e diventavano ora dei principi secondo i quali costruire la pro- pria vita. Si intendono, soprattutto, i decabristi e il loro mo- dus vivendi, fenomeno russo che può essere paragonato a quello del «repubblicanesimo classico» francese dell’epo- ca della Grande Rivoluzione. Il cuore dei russi in quell’epoca, dunque, è animato da una passione per Roma e storia romana, da una profonda co- noscenza dei classici e dal desiderio di visitare la patria di quegli antichi allo studio dei quali avevano dedicato la prima parte della loro vita. Gli anni settanta – ottanta è un periodo di elaborazioni di nuo- vi modelli nella cultura russa nonché il periodo dei primi lun- ghi viaggi in Europa dovuti prima di tutto all’abolizione del servizio obbligatorio per i nobili nel 1762, ma anche ai fe- nomeni come l’aumento delle pubblicazioni, comprese le tra- duzioni delle opere straniere. L’educazione, la lettura traccia- vano quindi gli orizzonti culturali e intellettuali dei russi. Negli anni venti-trenta dell’Ottocento l’ascesa al trono di un nuovo imperatore (Nicola I), la tragica avventura dei decabristi e la loro condanna ebbero le conseguenze anche nella vita cultu- rale. Cambiava l’atteggiamento del governo verso la pratica del viaggio all’estero che ora veniva visto come un’impresa negativa e perniciosa. Secondo la legge del 1831 “Sull’edu- cazione della gioventù russa” il viaggio poteva essere com- piuto solo da giovani che avevano raggiunto diciotto anni di età, altrimenti ci voleva il permesso dello stesso imperatore. Con il decreto del 1834 la durata del viaggio era stata delimi- tata a cinque anni. Per chi invece viaggiava, cambiavano le priorità determinate ora dalla nuova cultura del romantici- smo. Pietro I (Il grande) aveva assunto le antichità come uno stru- mento efficace della costruzione della sua immagine dell’inno- vatore ed europeo. Dall’epoca di Pietro il monarca russo si riferiva all’immagine dell’Impero romano in quanto governo ideale. Alle riforme, venivano accostate i modelli tratti dalla storia romana. La stessa fondazione della città di San Pietro- burgo era stata consacrata con le parole di Augusto riportate da Svetonio: “..che giustamente si vantò di lasciare di marmo una città che aveva ricevuto di mattoni”. Augusto, che si glo- riava d’aver trovato Roma laterizia e di lasciarla marmorea, fece stupire gli uomini e questo merito dell’imperatore diven- ne proverbiale. Il detto non sarebbe stato sufficiente per de- scrivere le imprese dell’imperatore russo. Si diceva, infatti, che Pietro: “Ereditò la Russia di legno e ne fece una d’oro”. Allo stesso tempo, a partire dalle riforme di Pietro, vediamo nella cultura russa gareggiare due tradizioni che andavano poi fondendosi: antica romana che a sua volta si sovrappo- neva su quella, ancora più vecchia e solida, greco-bizanti- na. Così i simboli romani recuperati dal primo imperatore rus- so venivano collocati accanto a quelli convenzionali greco-bi- zantini: accanto al romano “Augusto” vediamo usare il greci- smo “Cristo” nel senso “l’Unto del Signore” che si accostava al nome degli zar. Le antichità venivano sfruttate anche per sottolineare la po- tenza militare dello stato. In particolare, a partire dal periodo di Pietro, i festeggiamenti della vittoria si trasformavano nei trionfi romani con le relative arche trionfali, oggetti e simboli. L’imperatore si trasformava in Ulisse, Perseo, Eracle. La pro- cessione trionfale dedicata alla vittoria di Azov del 1696 era accompagnata dalla lettura degli oppositi versi contenenti anche il famoso detto di Cesare: “Venni, vidi, vinsi”. Come annotava “il prefetto” dell’Accademia slavo-greco-romana, solo “i riti romani” erano adatti a cantare la vittoria del “popo- lo politico”. I trionfi militari si percepivano attraverso i testi de- gli autori antichi: Esopo, Ovidio, Virgilio, Tucidide, Tito Livio. Una parte integrale dei festeggiamenti erano illuminazioni e sceneggiature i cui protagonisti erano Nettuno, Fortuna, Sa- turno, Giano, Mercurio, Giove, Marte. Particolarmente amato e usato era il mito del Giano Bifronte e del suo tempio roma- no aperto durante le guerre e chiuso durante periodi di pace. 10
  12. 12. I tempietti dedicati a Giano erano costruiti per le occasioni delle vittorie militari: il 22 ottobre 1721 a San Pietroburgo e il 22 gennaio 1722 a Mosca. Queste immagini erano attuali an- che nell’Ottocento tant’è che quando fu firmato il trattato di pace di Tilsit del 7 luglio 1807, i festeggiamenti avrebbero presentato una bizzarra fusione tra la tradizione cristiana, or- todossa, e gli elementi secolari dal colorito romano. Nell’Ottocento, tra gli adepti dell’antico mito militare si spicca- va in particolare la figura di Aleksej Petrovic Ermolov (1777-1861), generale dell’esercito russo nonché membro onorario dell’Accademia delle scienze (1818), un simpatiz- zante dei decabristi. Anch’egli, come Suvorov, leggeva gli antichi durante le campagne militari, da giovane aveva tra- dotto Tacito, e secondo una testimonianza “nel suo modo di parlare si faceva notare il latino”. È noto un suo ordine al- l’esercito, quando chiamò i soldati “compagni” (tovarisc) traducendo probabilmente “Commilitones” di Cesare. Chiamato un giorno a presentarsi davanti agli ufficiali di San Pietroburgo e dubbioso dell’esito positivo della visita, diceva, ironizzando, che si sarebbe presentato con la corazza a ma- glia sotto la toga come lo avevano fatto gli imperatori romani. Questa retorica trovava riscontro nei suoi contemporanei che apprezzandone i talenti militari e le virtù civiche lo battezzaro- no “proconsole”. Già dal periodo di Pietro I tra le pubblicazioni cresceva il nu- mero delle traduzioni dei libri provenienti dall’estero. Una di queste era “Symbola et emblemata” pubblicata nel 1705 che conteneva 840 raffigurazioni allegoriche delle virtù e dei vizi spesso in veste dei personaggi dell’antica mitologia e storia con le relative annotazioni in varie lingue: latino, france- se, italiano, spagnolo, tedesco, inglese. In Russia erano amate sia le opere sulla storia ricche di riferimenti all’antichità, sia le opere aventi ad oggetto pro- priamente la storia romana. Quanto furono richieste le ope- re sulla storia romana si può giudicare sia dalle testimonian- ze dei memorialisti, sia anche dalla quantità delle pubblica- zioni di certe edizioni. Erano molto richiesti i libri di Jan Pier Claris de Florian, pubblicati nei dodici anni dal 1788 al 1800 ben diciotto volte. Il suo libro sul secondo leggendario re di Roma “Numa Pompilius” (1786) fu pubblicato tre volte: due volte nel 1788 e una volta nel 1799. “Vita di Marco Aurelio An- tonino cesare romano” fu tradotto in russo dal tedesco ( 1727 di Johann Hoffman) e fu pubblicata cinque volte. Nel XVIII secolo furono pubblicate anche: “Fabio e Catone” di Galler; “La breve storia romana fino ai giorni di Valente e Valentinia- no” di Eutropio, conosciuta sotto il titolo latino “Breviarium ab urbe condita”, la sua traduzione dal latino fu pubblicata due volte presso la tipografia dell’Università di Mosca, nel 1759 e 1779, che grazie al chiaro e semplice stile, fu accessibile a tutti e, infatti, fu usata non solo come il testo di iniziazione al latino nelle scuole, ma suscitò l’interesse nei lettori comuni (compare nella biblioteca dell’editore A.F. Smirdin). Dal 1773 al 1780 venivano pubblicati sei capitoli di “Reloj de príncipes o libro aureo del emperador Marco Aurelio, 1529” di Antonio de Guevara, vescovo e cronista di corte di Carlo V, tradotta dal latino in russo da Andrej Lvov. L’immagine di Marco Aure- lio, “il governatore ideale”, avrebbe dovuto servire da “riferi- mento” a contemporanei. 93 Negli anni 1781-1782 fu pubbli- cata nuovamente. A questi si aggiunge poi la cosiddetta letteratura di viaggi in Italia. Il periodo in esame, cioè fine del Settecento – inizio dell’Ottocento, è esattamente il periodo in cui lettore europeo scopre la maggior parte di queste opere letterarie. Il “classi- cissimo e citatissimo” Viaggio in Italia di Montaigne appar- ve solo nel 1774, mentre la descrizione del viaggio del presi- dente De Brosses effettuato nel 1739-40, era andata alle stampe nel 1799. Il viaggio di Goethe era del 1786-1788, mentre le sue prime edizioni risalgono al 1817-18. Tra le guide “turistiche” che suscitarono un vivo interesse tra i lettori della Russia si possono nominare le Lettere sull’Italia nel 1785 di Dupaty, andate alle stampe nel 1788 e pubblicate interamente in russo solo nel 1800-1801. Anche in questo genere letterario si notava non di rado un aspetto educatore e moralista. Descrivendo monumenti e opere d’arte di Roma l’autore inculcava nei lettori quella venerazione per gli anti- chi che un lettore russo sarebbe stato pronto ad accogliere e assimilare. Dupaty, per esempio, come autore settecentesco mirava all’educazione del lettore. Egli scriveva tra l’altro che le immagini di Bruto, Catone, Cicerone che si potevano ammi- rare in Italia avrebbero dovuto innalzare lo spirito civico della gente (Lettera LXXXV) e presentava altresì al lettore la città di Roma come teatro di storia di virtù e vizi , la patria degli eroi come Bruto, che innalzò l’Italia, e come Nerone che la fece sprofondare nel buio, o Marco Aurelio che la fece rialzarsi (XLV). La fortuna di alcuni personaggi del mondo classico era dovu- ta anche al teatro la cui influenza rendeva certe immagini più comprensibili. Ancora nei tempi di Pietro il Grande 1/5 del repertorio teatrale costituivano le opere drammatiche aventi ad oggetto personaggi dell’ antichità come l’impe- ratore Giulio Cesare, Scipione Africano, ecc. Del repertorio teatrale facevano parte le opere come “Due città nelle quali prima persona fu Giulio Cesare”; “Scipione Africano, lo strate- ga romano e la sconfitta della regina di Numidia”, “Papinia- nus costante”, dedicata al legislatore romano Emilio Papinia- no; “La stirpe di Ercole, dove la prima persona fu Giove”. Il teatro, dai tempi di Pietro I, era, dunque, anche uno strumen- 11
  13. 13. to di propaganda politica. Esso esercitava la funzione didatti- ca, spiegava la politica del governo, chiariva l’importanza delle vittorie militari. L’imperatore stesso veniva spesso rappresentato in veste di Marte, mentre l’imperatrice – Caterina II – in veste di Minerva. Allo stesso tempo, le figu- re allegoriche spesso si accostavano ai personaggi biblici. Gli dei romani avevano il significato simbolico: Giove era l’al- legoria del potere e della forza; Minerva rappresentava la saggezza e il generoso sostegno alle scienze; Ercole incarna- va il coraggio e la forza; Marte era la potenza militare. Il classicismo, come possiamo vedere da esempi succitati, nel suo senso più elevato avrebbe significato due cose: la dignità dell’uomo e la patria fatta principio e fine di ogni virtù. Nelle “Lettere di Emilio”, l’opera di Michail Muraviev che face- va parte anche del programma scolastico dei grandi prìncipi, il desiderio più sospirato del protagonista, infatti, era “vivere o morire per la patria”. C’era fra i russi chi specificava: “…vi- vere come Orazio o morire come Catone”. In Russia, una solida influenza della corrente anticheggiante, alimentata dalla cultura europea occidentale, specie quella francese, dove nel corso del Settecento si sono svolte delle importanti discussioni tra cui quella sulla tirannia e del despo- tismo era legata al nome di Montesquieu (1689-1755). Que- sta particolarità risalente alla tradizione ereditata da Plutarco che utilizzava i classici per stabilire paralleli tra antichi e moderni, era assai forte in Russia. Gli autori francesi propo- nevano di riflettere sulle esperienze politiche antiche e sulle istituzioni moderne, sulla morale e la politica in generale. Nel pensiero di Montesquieu l’antico occupava un posto partico- lare, a cui dedicò le sue Considerazioni sulle cause della grandezza dei romani e la loro decadenza del 1734, e so- prattutto neL’esprit de Lois del 1748. Come si sa l’imperatrice Caterina II proponendo di creare un nuovo indice legislativo più liberale, si era basata molto sulle sue opere. L’altra tradizione, legata all’antico, era invece quella che di- sputava di morale e virtù. Alle corruzioni delle monarchie anti- che e moderne si opponeva la virtù repubblicana, quale la virtù politica. Da esempio, doveva servire, a parte la Sparta di Licurgo, la Roma dei primi consoli. Questa idea la ritro- veremo in Rousseau, Mably, Helvetius, Enciclopedisti, anche se differenti in analisi da Montesquieu. Il loro scopo principa- le non era quello di studiare la storia romana bensì di conver- tire l’esperienza politica romana in un modello decontestualiz- zato che autorizzasse riflessioni sulla istituzione senza che ci si appellasse al presente. A partire dagli anni 80 del 700, per contrastare il “conta- gio” rivoluzionrio venivano sequestrati i libri che effettiva- mente riguardavano la questione di fede, ma anche i libri ri- guardanti la storia romana, come “Vita di Marco Aurelio Anto- nino cesare romano” (confiscate 9 copie). Nel 1783 furono confiscate 1041 copie dell’ “Abbecedario italiano: dotato di dizionario e guida di conversazione, ed alcune regole morali dell’uso delle nozioni d’italiano” (tipografia di Novikov N., 1783). Tuttavia, nonostante queste peripezie politiche della romani- tà, essa continuava a vivere nel gusto per le antichità colti- vato nell’arte e architettura. Con le statue antiche o anti- cheggianti venivano ornati parchi e ville. Ninfe, Flore e Narcis- si avevano già adornato Peterhoff e giardino d’Estate. Piazza- tovi un cavallo di marmo doveva ricordare quello di Marco Aurelio di Campidoglio. Ancora nel 1716 nel giardino d’Esta- te per la prima volta era esposta l’autentica statua di Venere, acquistata su ordinazione di Pietro I nel Vaticano. Si poteva- no vedere anche le copie delle statue antiche fatte sempre su ordinazione della corte russa da vari scultori venezia- ni. Il labirinto con le annesse fontane riproduceva immagini tratte dalle fiabe di Esopo (ce n’erano più di trenta), Pietro il Grande ordinò di mettere accanto a ogni fontana una colon- na con un relativo testo di fiaba in lingua russa con i commen- ti. Venivano costruiti padiglioni e palazzi, come quelli del Pa- lazzo d’Inverno (1725), che riportavano immagini di Marte e Venere. I soffitti del Palazzo d’Estate erano invece decorati con il “Trionfo di Minerva”, “Il trionfo di Morfeo”; sui soffitti del palazzo di Mon plaisir si annoveravano Apollo, Giunone, Net- tuno, Vulcano, Bacco. Le figure mitologiche accerchiavano gli imperatori sui ritratti e abbellivano i libri. Cupidi numerosi si affacciavano dalle porte e dai cornicioni delle finestre. L’Urbe rimaneva il centro d’attrazione per gli spiriti settecente- schi in cerca del mito dell’antica civiltà. Si cercava di realizza- re il mito della città ideale, caput mundi nei progetti di nuove capitali russe: prima di Mosca di Ivan III, e poi di San Pietro- burgo. Si voleva che la capitale del Nord assomigliasse a Ro- ma ancora di più di Mosca. Il suo aspetto romano San Pietro- burgo lo deve ad architetti di Caterina II, Paolo I e Alessan- dro I: Vincenzo Brenna, Giacomo Quarenghi, e forse, ancora di più allo scozzese Charls Cameron. Quest’ultimo sarebbe arrivato a Roma ancora molto giovane e, ammiratore delle opere di Andrea Palladio, si sarebbe oc- cupato delle terme romane di cui nel 1772 pubblicava un trat- tato. Il destino vorrà che realizzasse i suoi progetti in Russia (dal 1780 in poi). Sulle paludi del nord pianterà i parchi roma- ni, abbellendoli con “le terme fredde”, “giardini pensili”, “stan- ze di agata” a Carskoje selo (1783-86). Al progetto del palaz- zo di Pavlovsk lavorerà anche Vincenzo Brenna. Al giardino di Pavlosvk lavorerà anche Pietro Gonzaga, pittore e sceno- 12
  14. 14. grafo italiano. Nel 1782 l’erede al trono Paolo Petrovic con la consorte saranno nel viaggio in Italia, a Roma, da dove porte- ranno via una infinita quantità di oggetti per decorazioni del palazzo. Sempre nel viaggio conosceranno anche Bren- na invitandolo a lavorare in Russia. Paolo I, preserverà il gusto per l’antico per buona parte ali- mentato dal suo soggiorno romano. Già l’imperatore acquiste- rà a Venezia una collezione Frascati costituita sia da copie sia da statue anticheggianti moderne. Costruendo e decoran- do la nuova residenza presso il Palazzo Michajlovskij, vi rac- coglierà un vasto numero di opere di scultura antiche e mo- derne, portandoli da Carskoje Selo (dove aveva creato le sue collezioni Caterina II). Non avendo la possibilità di portare gli originali antichi, ne ordinerà le copie eseguite per la mag- gior parte presso l’atelier di un maestro carrarese Paolo Andrea Triscornia. Sintomatica sarà la costruzione del Duomo Kazanskij (1801- 1811) progettato da A. N. Voronichin e ideato come un pant- heon e simbolo della gloria militare. Ad ornare il duomo sono le sculture eseguite da Stepan Pimenov e Vasilij Demut-Mali- novskij, quest’ultimo aveva studiato nello studio di Antonio Canova a Roma. Con la partecipazione di questi autori sarà creato il decoro scultoreo di quasi tutta la città. In seguito si potrà ammirare anche l’Ammiragliato (1806-1823) di Andrej Zacharov dove egli esprimerà il massimo del pathos civico. Gli eroi della storia e mitologia romane, arche trionfali, profili di antichi templi si potranno ammirare nella città che verrà per questo chiamata anche la Palmira settentrio- nale. Più di cento anni dopo, Osip Mandelstam, trasferitosi a San Pietroburgo all’età di sei anni, potrà dire, infatti “Sono na- to a Roma…”. All’inizio dell’Ottocento di moda erano anche oggetti al- l’antico: opere d’arte, mobili, porcellana. Famosa è la cita- zione del memorialista Filipp Vighel: “Dappertutto si vedeva- no i vasi di alabastro decorate con immagini mitologiche, e tavolini fatti come i tripodi, selle curuli, lunghe ottomane sedu- tisi sulle quali si poggiavano le braccia su aquile, grifoni e sfingi… tutto questo ci è pervenuto non prima del 1805 e non si sarebbe potuta immaginare una cosa migliore. Avevano potuto immaginarsi gli abitanti della vicinanza di Vesuvio che tra un migliaio e mezzo d’anni, tutti loro oggetti d’uso si sareb- bero trasferiti dalle loro tombe nelle terre di Iperborea?”. An- che le pareti di casa venivano decorate con raffigurazioni di paesaggi e delle finestre disegnate – motivo presente anche nei Pompei. Così l’antico penetrava anche nella vita quotidiana, la- sciando traccia persino sull’aspetto fisico delle persone. An- che se non vi erano dei giovanotti “con la clava alla ercole”, fino al 1812 andava di moda un particolare taglio di capelli à la Titus: i capelli, arricciolati e sollevati davanti, dietro veniva- no tagliati corti. Era una moda francese che risaliva all’imita- zione dei busti del Tito, al gusto “Impero” dell’epoca. Dopo il 1812, per ovvi motivi, il taglio francese cedette il posto a quel- lo inglese alla dandy. 13
  15. 15. La Porta Di Accesso Alla Città Tappa 1 PIAZZA DEL POPOLO 3 Piazza Del Popolo, Le Chiese “gemelle” 14
  16. 16. Siamo all’ingresso nord della città. Punto di passaggio obbligato per tutti coloro che arrivano a Roma. Qui turisti in arrivo ven- gono accolti da una folla di fattorini, vetturini, intermediari di alloggi etc. Anticamente questo sito era conosciuto come Piazza Flaminia. Successivamente fu chiamato Piazza del Popolo dovuto alla quantità di Pioppi (“populi” in latino) del Mausoleo di Augusto che si estendevano fino a questa zona. Tutta la zona che giace- va dal Tevere da una parte e dalla collina del Pincio dall’altra, anticamente fu chiamata Campo Marzio dovuto al fatto che que- sta estesa pianura fu dedicate da Romolo a Marte, Dio della Guerra. In questo piazzale enorme, la gioventù romana si esercitò nell’arte militare, mentre i meno giovani usarono questo sito per tenere comizi per l’elezione dei Magistrati e dei Senatori roma- ni. Da notare che, probabilmente per via delle periodiche inondazioni, originariamente non fu concesso costruire abitazioni, per quanto fu permessa la costruzione di fabbriche pubbliche, teatri, archi trionfali, templi, portici, e fu permesso il posizionamento di statue di senatori illustri e di divinità. Tutto comincia nel 1655 con l’arrivo in città della regina Cristina di Svezia la quale, unica reale convertitasi al cattolicesimo in mezzo ad un’eresia dilagante, decise di trasferirsi a Roma per occuparsi della difesa della cristianità assieme al papa. Ovvia- mente, venendo da nord, la regale dama sarebbe dovuta entrare per la porta settentrionale della città e di qui passare per la piazza del Popolo. Un grande corteo avrebbe poi dovuto accoglierla e accompagnarla e, a tal proposito, fu chiamato Gian Lo- renzo Bernini che senza troppi complimenti abbellì la vicina chiesa di Santa Maria del Popolo, riqualificò l’antico accesso nelle mura romane con le enormi effigi papali (tutt’oggi visibili) e allestì una serie di strutture mobili che celebrassero il felice ingres- so. Frattanto che accedeva tutto questo però, il papa Alessandro VII, Fabio Chigi, si accorse che le testate edilizie della spina del tridente romano erano non solo irrisolte ma ormai indegne di rappresentare l’accesso nord della città, sempre molto fre- EVOLUZIONE DELLA PIAZZA 15
  17. 17. quentato dai numerosi pellegrini che da sempre vi giungevano per la via Flaminia. Così il pontefice commissionò a Carlo Rai- naldi, architetto influenzato dalle nuove esperienze barocche ma sempre molto autonomo nelle sue scelte, di costruire due chiese che degnamente onorassero coloro che giungevano a Roma, sia che si trattasse di regali ospiti come di comuni vian- danti. Al tempo del Pontefice Sisto V, la lunga Piazza del Popolo era semplicemente il punto di partenza di tre strade, ma l’obelisco egiziano messo al centro di quello spiazzo nel 1589 da Francesco Fontana trasformò quel luogo, rendendolo un vero centro urbano. Verso la metà del XVII secolo fu trasformato in una piazza barocca, come mostrato dal dipinto del Vanvitelli (Gaspar van Wittel) del 1679. Nella progettazione del Rainaldi, le due chiese barocche divennero il “focus” dell’intera composizione architettonica e urbani- stica. Il Fontana, partendo dall’obelisco, constatò che gli assi delle tre strade esistenti formavano fra di loro degli angoli di 22 o 23 gradi. La configurazione di queste tre strade fece sì che i loro assi centrali potessero essere estesi e congiunti visivamente verso il centro dell’obelisco. Questo fu un puro caso fortuito. Le tre strade, ad un angolo complessivo di circa 45 o 50 gradi, erano certamente entro la capacità dell’angolo della visione umana. Di conseguenza, le tre strade poterono essere abbraccia- te con una visuale unica. Questo tipo di progettazione fu chiamata “piede d’oca” in Italia, “patte d’oie” in Francia e “goose foot” in Inghilterra. Da notare che in Francia questa soluzione fu adottata per la progettazione della “Place d”Armes” a Versail- les, e in Italia fu usata dall’architetto Carlo Rainaldi per modificare e creare una piazza più simmetrica di quella precedente. Il 15 Marzo 1662 furono iniziate le fondazioni per la chiesa di Santa Maria di Monte Santo e nel 1675 furono iniziate le fondazio- ni di Santa Maria dei Miracoli, entrambe progettate da Carlo Rainaldi ma completate dal Bernini con la collaborazione di Carlo Fontana. La chiesa di Santa Maria di Monte Santo fu costruita sulla sinistra della piazza e la chiesa di Santa Maria dei Miracoli, sulla destra, guardando verso il Sud dalla porta del Popolo. 16
  18. 18. Le due chiese furono simmetri- camente piazza- te sui due siti formatisi fra le tre strade radian- ti del Tridente. Per quanto i due siti fossero di grandezze diverse, le due chie- se apparvero simmetriche e, di conseguenza, quasi come un’ ingresso monumentale verso la Città Santa, entrando dalla Via Flaminia. Il visitatore che entrò nella città si trovò di fronte le due chiese barocche e venne casualmente intro- dotto ai tesori nascosti della città. L’invitante Tridente, in questo caso, fu trasformato in uno strumento di carattere e di persuasione barocca. Le tre strade radianti della Piazza del Popolo invitarono lo sviluppo di una simmetria monumentale cara all’età e allo stile barocco; e cosa poteva essere più appropriata alla Cit- tà Santa che la costruzione di due chiese, oltre a quella già esistente nella piazza, Santa Maria del Popolo? Ma in quel momento una difficoltà quasi insuperabile dovet- chiesa sul sito più stretto (San- ta Maria del Mon- te Santo) con una forma ovale, (anche questa soluzione dovuta all’invenzione dell’ellisse da parte di Michelangelo per il Campidoglio), egli mosse la chiesa più all’indietro sul sito fino a che il raggio minore dell’ellisse diventò uguale al dia- metro del cerchio della chiesa di Santa Maria dei Miracoli. Viste dalla Porta del Popolo, le due chiese apparvero simi- li,nonostante la loro differenza geometrica e la loro posizioni attuali rispetto ai due siti. Si capisce, così, che equivalenza architettonica non signifi- ca necessariamente similarità fisica. Le due chiese del Rainaldi, inoltre, crearono una transizione di notevole successo fra il blocco delle case al di là della piazza, poiché esse avevano dei portici molto profondi, pro- trudendo nello spazio urbano in fronte ad esse. Da notare che alcuni anni prima della costruzione delle due 17
  19. 19. TOBIAS SMOLLETT, Travels through France and Italy (1766) Viaggi attraverso la Francia e l’Italia (pubblicato nel 1766) LETTERA XXIX  Nizza, 20 Febbraio 1765 Dopo aver dato i nostri nomi al’ingresso della porta, ci siamo di- retti verso la dogana  per prendere i nostri bauli; e qui siamo sta- ti circondati da un certo numero di “servitori di  piazza”(in italiano nel testo), che ci hanno offerto i loro servizi, importunan- doci sgradevolmente senza tregua . Anche se ho detto loro più volte che non ne avevo bisogno, tre di loro hanno preso posses- so della mia carrozza, uno è montato davanti e due  dietro e insie- me siamo partiti verso Piazza d'Espagna, dove vive la persona alla cui casa sono diretto.  Da Viaggio in Italia di Ippolito Taine, 1866: “Allo sbarco un chiasso di vetture, un gridio di cocchieri, di con- duttori, di guide che si appropriano il vostro bagaglio e la vostra persona a viva forza, un onda di figure eroclite, inglesi tedeschi americani francesi che s’urtano, si pigiano, si informano con tutti gli accenti, in tutte le lingue” Da Annekov, Gogol a Roma estate 1841 “La nostra antiquata carrozza era stata notata da tutti I portaba- gagli, facchini ciceroni che si aggirano davanti alle tavern, spes- so molesti e insopportabili come mosche” Roma, Nicolai Gogol «Ed ecco finalmente il Ponte Molle, le porte della città, ecco la bella delle piazze romane, piazza del Popolo, che lo riprende tra le sue braccia, mentre lo sguardo corre sul Monte Pincio con le sue terrazze, le scalee, le statue e la gente che vi passeggia in cima, Signore! come gli batté il cuore! Il vetturale si incamminò a gran trotto per il Corso» CITAZIONI 18
  20. 20. Agli inizi del XVI secolo Roma aveva dei problemi piuttosto seri dovuti all’enorme crescita della popolazione ed anche alle con- dizioni deteriorate e degradate della città, completamente in rovina dopo la distruzione dei templi dell’antichità. Inoltre, a causa dei problemi della circolazione, della difesa della città, degli acquedotti, e degli impianti di fognatura che ver- savano in condizioni piuttosto disastrose, Papa Sisto V (1585 - 1590) decise di intraprendere diversi progetti civici per il miglio- ramento della città. Il Pontefice comprese che soltanto i miglioramenti artistici, architettonici e civili di chiese, basiliche, come San Pietro, ed altri edifici secolari, come il Campidoglio, non fossero sufficienti. Il collegamento tra quei siti e quei monumenti della storia romana era così importante quanto i monumenti stessi e le varie opere architettoniche. Quindi, per poter collegare queste opere civiche e i vari monumenti della cristianità, il Pontefice assegnò il compito dello stu- dio urbanistico della città a Domenico Fontana, nato nel 1543 e morto nel 1607, un architetto relativamente famoso a quei tempi, piuttosto “arido” e totalmente privo di immaginazione come architetto, ma abbastanza brillante come urbanista. Poiché il Fontana era un osservatore e aveva con un’immaginazione piuttosto fervida, immediatamente comprese che il caos delle col- line romane con tutti i suoi antichi templi, ormai quasi completamente distrutti, aveva bisogno di un sistema visivo molto forte e accentuato. In generale il piano per la rete stradale proposta dal Fontana apparve piuttosto schematico e alquanto difficile da poter essere eseguito rispetto alla topografia dei vari colli e valli dell’antica Roma. Da notare che queste difficoltà avrebbero potuto essere risolte livellando i colli o riempiendo le valli con i materiali di riporto, riducendo questi siti a delle pianure. Questa era, infatti, una delle caratteristiche topografiche essenziali del periodo Barocco: necessità di aree completamente pianeggianti. ROMA PRIMA DEL MOVIMENTO BAROCCO 19
  21. 21. Ad ogni modo, la rete stradale schematica proposta dal Fon- tana non rappresentò un’innovazione fondamentale, derivava dall’interesse generale nel movimento tipico dell’architettura del “Manierismo”. In molti casi questo interesse significava un contatto più attivo fra gli edifici di per se stessi ed i vari siti. Un dipinto nel Vaticano mostra chiaramente il concetto gene- rale proposto da Francesco Fontana per l’urbanizzazione del- la città di Roma. Il Fontana segnò e puntualizzò i luoghi chiave della città di Roma con “obelischi” rimasti dai tempi dell’impero romano e dalle conquiste di Roma nel mondo conosciuto fino ad allora. Egli piazzò gli obelischi esattamente nella loro posizione fina- le nella città affinché tutti potessero vederli ed ammirarli. In questo modo egli introdusse l’idea che le nuove strade della città non solo collegassero i luoghi più importanti di Roma, ma le strade stesse potessero essere accentuate e visualizza- te, in modo da dimostrare un piano generale di urbanizzazio- ne. Naturalmente, gli antichi obelischi offrirono una risposta im- mediata e a portata di mano. Ugualmente importante in questa progettazione di massima fu il fatto che il Fontana aveva a sua disposizione una limitata quantità di risorse economiche. Infatti, durante il periodo di Sisto V, che fu pontefice per soli cinque anni, esattamente dal 1585 al 1590, il Fontana poté eseguire soltanto la parte preli- minare del suo laborioso piano, cioè il piazzamento degli antichi obelischi nei punti chiave della città. La fortuna volle che questo fosse il primo passo e la decisione più importante del suo piano di urbanizzazione. Gli obelischi funzionarono da guida futura per il piano urbanistico di tutta la città, nonché formarono una scala di grandezza o un punto di riferi- mento per tutti i successivi progettisti e urbanisti. Da notare che anche i pontefici, come tanti altri prelati, non erano esenti da gelosie. In genere, i papi successori non erano molto an- siosi di portare a termine i progetti non completati dai loro predecessori, preferendo intraprendere nuovi progetti per onorare e immortalare il loro papato. I risultati conseguiti da Sisto V furono assolutamente perfetti per queste circostanze. Egli stabilì ed ebbe successo in en- trambi i casi: fu l’artefice di un progetto generale per l’urba- nizzazione di tutta città e fece creare una serie di opportunità di progettazione che i pontefici successive poterono esegui- re, pur mantenendo il loro “ego” soddisfatti. 20
  22. 22. l piano urbanistico generale del Fontana richiese la progetta- zione di molteplici architetti e urbanisti, lavorando in siti diver- si e con differenti requisiti per i secoli seguenti. Sisto V fece collocare la rete di obelischi progettata dal Fonta- na in tutta la città e, da allora in poi, tutti i centri, le piazze e i monumenti principali furono collocati da altri architetti, urbani- sti e scultori intorno a queste strutture dell’antichità. I principi della loro progettazione avevano le loro radici ben piantate nell’architettura dell’antica Roma e nei nuovi concetti del Rinascimento, soprattutto per merito di Michelangelo, del Bramante, del Palladio e di moltissimi altri geni. 21
  23. 23. Piazza Del Popolo 18 Tappa 2 DIMORA DI VACLESLAV IVANOV 4 Carta Di Identità Di Vlaceslav Ivanov 22
  24. 24. Abitò qui nel soggiorno dal 1912 al 1913, prima del ritorno in Russia. “Potevamo vedere i pini I cipressi e I lecci che ram- mentavano a mio padre le tele di Claude Lorrain, uno di suoi pittori prediletti” (Dmitri, figlio) Nel soggiorno del 1892-93 aveva preso casa in via Castelfidardo, zona Termini. Tornati nel 1924, definitivamente, si sistemarono pri- ma nella pensione Rubens in via Belsiana, poi in via Quattro Fontane, 172, a pochi passi dalla casa che era stata di Gogol. Nei pressi, palazzo Tittoni, via Rasella 155, preso in affitto da Mussolini come resi- denza privata che potevano vedere dall’alto dei bal- cony (Mussolini era anche lui all’ultimo piano). ll viaggio di esilio vide la famiglia dividere lo scom- partimento del treno con una nana, messa a dormire sulla rete portabagagli, ed un cane S. Bernardo, par- te di una troupe circense. Quando Vlaceslav iniziò a insegnare a Pavia, collegio Borro- meo, la famiglia si trasferì in via Bocca di Leone 50, angolo via della Croce. Negli anni cambiarono molte residenze, più d 10 contate quando dovettero elencarle per avere la cittadinanza italiana. Fra le più belle la moglie cita una pensione sul Corso, dov I clienti erano molti podestà delle città del sud, ma ci abitava- no in realtà le loro amichette. Forse la stessa pensione cui accenna Dumas ne “il Conte di Montecristo” «Bertuccio», disse il conte, «vi siete incaricato, come ordinai ieri, di trovarmi una finestra sulla piazza del Popolo?»
 «Sì, Eccellenza», rispose l’intendente, «ma era troppo tardi.»
 «Come», disse il conte, aggrottando il sopracciglio, «vi ave- vo ordinato di trovarne una!»
 «E Vostra Eccellenza l’avrà; è una finestra che era stata data in affitto al principe Lobanieff; ma sono stato costretto a pa- garla cento…» …. I due aiutanti del boia avevano trascinato il condannato sul palco e, malgrado i suoi sforzi, i suoi morsi, le sue urla, l'ave- vano costretto a mettersi in ginocchio. Il boia si era messo da un fianco con la mazza in alto. A un suo cenno gli aiutanti si scostarono. Il condannato volle rialzarsi, ma prima che ne avesse avuto il tempo la mazza si abbattè sulla tempia sini- stra. Si udì un rumore sordo e cupo; il paziente cadde come un bue con la faccia a terra e poi, per il contraccolpo, si diste- se supino. Allora il boia lasciò cadere la mazza, estrasse il coltello dalla cintura, gli squarciò la gola con un solo colpo e, saltandogli sul ventre, cominciò a calpestarlo. A ogni pressio- ne dal collo del condannato sprizzava un fiotto di sangue. Questa volta Franz non riuscí a resistere; si ritrasse e cadde su una poltrona mezzo svenuto. Albert, a occhi chiusi, rimase in piedi, ma aggrappato alle tende della finestra. Il conte era in piedi e trionfante come l'angelo malvagio." (La Mazzolata, Conte di Montecristo) Ultima mazzolatura semplice (non con squartamento) nel 1826 (tale Forconi, reo di aver ucciso un prete) IVANOV A ROMA 23
  25. 25. Poeta e drammaturgo, nato a Mosca (1866) Ivanov si diplo- mò al Primo Ginnasio di Mosca con una medaglia d'oro ed entrò nell'Università di Mosca dove studiò storia e filosofia. Nel 1886 si reca in Germania dove studia per oltre quattro anni storia antica con Th. Mommsen e O. Hirschfeld all'Uni- versità di Berlino e scrive una tesi sul sistema fiscale romano, pubblicata in latino con il titolo De societatibus vectigalium publicorum populi romani(SPb. 1910). Indugiò molto prima di venire a Roma, in quanto non si sentiva pronto. Uno degli incontri più importanti di questi anni è la successiva lunga amicizia con lo storico Ivan Grevs, che - come Ivanov ricorde- rà in seguito - "mi ordinò imperiosamente di recarmi a Roma, per la quale non mi sentivo abbastanza preparato; gli sono ancora oggi grato per aver vinto la mia caparbia resistenza, derivata da un eccessivo sentimento di venerazione per la Città Eterna, spiegandomi tutto quello che lì avrebbe dovuto essermi rivelato. Sono state incomparabili le impressioni che ho ricevuto da questo viaggio primaverile in Italia attraverso la valle del Rodano, Arles, Nimes e Orange con le loro anti- che rovine, attraverso Marsiglia, Mentone e Genova. Dopo un primo breve soggiorno a Roma ci siamo avventurati oltre fino a Napoli, abbiamo fatto il giro della Sicilia, dopodiché siamo rimasti a lungo a Roma vivendo con un'umile famiglia italia- na, cosicché dopo tre anni di questa vita ci sentivamo in un certo senso romani. Io frequentavo l'Istituto Archeologico te- desco, partecipavo insieme agli allievi (i ‘ragazzi capitolini') alle passeggiate archeologiche, pensavo solo alla filologia e all'archeologia mentre lentamente rielaboravo, approfondivo e ampliavo la mia tesi, anche se per lungo tempo ero rimasto senza forze a causa della malaria. La vita a Roma mi ha por- tato a fare la conoscenza di molti studiosi (ricordo come era- no all'epoca i professori Ajnalov, Krašeninikov, M. N. Spe- ranskij, M. I. Rostovcev, i defunti Kirpičnikov, Modestov, Re- din, Krumbacher, il grande Giovan Battista De Rossi) e di arti- sti: i fratelli Svedomskie, Rizzoni, Nesterov, l'asceta delle cata- combe Rejman. Tra i poeti del secolo d'argento Ivanov è quello maggiormen- te legato all'Italia: dei 43 anni vissuti all'estero circa 30 li ha trascorsi in Italia. Ribadisce nel 1892, quando giunge per la prima volta nella Città Eterna: "Sono fedele alla mia patria, ma venero Roma come una nuova patria", confessando in una poesia del 1944: "Te per tutta la vita ho glorificato / che per me sei divenuta patria". Lascia definitivamente la Russia nel 1924, salutato da una fila immensa di estimatori, fra cui Pasternak. Era l’epoca delle “navi dei filosofi”, intellettuali espulsi con la normalizzazione del regime. Dal 1926 al 1934 Ivanov occupa il ruolo di docente-lettore di lingue straniere al Collegio Borromeo di Pavia e contempora- neamente tiene dei corsi di letteratura russa all'università di Pavia. Qui entra a far parte della cerchia lombarda di Pietro Treves, Stefano Jacini, Antonio Casati e del duca Tommaso Gallarati-Scotti. Fanno visita a Ivanov al Collegio Borromeo Martin Buber, Fedor Zelinskij, Alessandro Pellegrini e nel mar- zo 1934 Benedetto Croce. L'incontro con il filosofo alla pre- senza degli amici lombardi si trasforma in un "dialogo dram- matico, doloroso e a momenti - anche se contenuto dalla cor- rettezza - violento Del simbolismo russo Ivanov fu creativamente uno dei mag- giori rappresentanti accanto a Blok e a Belyj. Come pensato- re religioso scrisse nel 1904 Etlinskaja religija stradajuscego boga e poi nel 1905 Religija Dionisa, lavoro ripreso nel 1923 col titolo Dionis i pradionisijstvo. Il mondo greco ebbe in lui anche un interprete poetico con traduzioni da Pindaro, Alceo, Saffo, Bacchilide ed Eschilo. VACLASLAV IVANOV 24 Vyacheslav Ivanov e Lydia Zinovieva-Annibal
re di Roma “Numa Pompilius” (1786) fu pubblicato tre volte: due volte nel 1788 e una volta nel 1799. “Vita di Marco Aurelio An- tonino cesare romano” fu tradotto in russo dal tedesco ( 1727 di Johann Hoffman) e fu pubblicata cinque volte. Nel XVIII secolo furono pubblicate anche: “Fabio e Catone” di Galler; “La breve storia romana fino ai giorni di Valente e Valentinia- no” di Eutropio, conosciuta sotto il titolo latino “Breviarium ab urbe condita”, la sua traduzione dal latino fu pubblicata due volte presso la tipografia dell’Università di Mosca, nel 1759 e 1779, che grazie al chiaro e semplice stile, fu accessibile a tutti e, infatti, fu usata non solo come il testo di iniziazione al latino nelle scuole, ma suscitò l’interesse nei lettori comuni (compare nella biblioteca dell’editore A.F. Smirdin). Dal 1773 al 1780 venivano pubblicati sei capitoli di “Reloj de príncipes o libro aureo del emperador Marco Aurelio, 1529” di Antonio de Guevara, vescovo e cronista di corte di Carlo V, tradotta dal latino in russo da Andrej Lvov. L’immagine di Marco Aure- lio, “il governatore ideale”, avrebbe dovuto servire da “riferi- mento” a contemporanei. 93 Negli anni 1781-1782 fu pubbli- cata nuovamente. A questi si aggiunge poi la cosiddetta letteratura di viaggi in Italia. Il periodo in esame, cioè fine del Settecento – inizio dell’Ottocento, è esattamente il periodo in cui lettore europeo scoaxPMOLterarie. Il “classi- cissimo e citatissimo” Viaggio in Italia di Montaigne appar- ve solo nel 1774, mentre la descrizione del viaggio del presi- dente De Brosses effettuato nel 1739-40, era andata alle stampe nel 1799. Il viaggio di Goethe era del 1786-1788, mentre le sue prime edizioni risalgono al 1817-18. Tra le guide “turistiche” che suscitarono un vivo interesse tra i lettori della Russia si possono nominare le Lettere sull’Italia nel 1785 di Dupaty, andate alle stampe nel 1788 e pubblicate interamente in russo solo nel 1800-1801. Anche in questo genere letterario si notava non di rado un aspetto educatore e moralista. Descrivendo monumenti e opere d’arte di Roma l’autore inculcava nei lettori quella venerazione per gli anti- chi che un lettore russo sarebbe stato pronto ad accogliere e assimilare. Dupaty, per esempio, come autore settecentesco mirava all’educazione del lettore. Egli scriveva tra l’altro che le immagini di Bruto, Catone, Cicerone